CATEGORIA VIAGGI
 

segnala pagina  stampa pagina   

12 luglio 2008

Levanzo, l'isola dei gabbiani

di Mingo Romano




Staccare la spina. Quante volte, a torto o a ragione, ci capita di pronunciare questa frase. A Levanzo si può.Un’ora d’auto da Palermo a Trapani, venti minuti di aliscafo, e vi troverete catapultati in un’altra dimensione. Si, perché Levanzo, nonostante sia vicinissima alla “terraferma”è effettivamente un’altra dimensione. Appena arrivati sentirete forte il senso dell’isola. Nessun rumore cittadino (le strade non sono percorribili se non dalle poche jeep presenti sull’isola), solo mare, brezza marina, il bianco e azzurro del paese, il verde delle pinete e della macchia mediterranea, le gigantesche agavi silenziose custodi dell’isola. Molto belli i percorsi naturalistici all’interno dell’isola con scorci mozzafiato sulle tante calette in un continuo susseguirsi di contrasti tra l’azzurro intenso del mare e il verde della macchia mediterranea. E poi i gabbiani. A migliaia.Sono loro i veri padroni dell’isola e vi seguiranno in ogni vostro spostamento. Lontano dalla città questi uccelli – veri albatros del Mediterraneo – tornano ad assumere una dimensione quasi poetica.Non vi stancherete mai di osservarli e alla fine resterete rapiti dalle loro acrobazie in volo e dalla loro bellezza e regalità quando sono a terra.

Da non perdere l’escursione alla Grotta del Genovese con gli eccezionali graffii del paleolitico e le pitture del neolitico.Per i sub provetti consigliata è l'immersione a Cala Minnola dove si può vedere il relitto di una nave romana.

Per il soggiorno vi consigliamo il residence L'isola, un'oasi di tranquilliità e relax.I titolari, cordialissimi, saranno a vostra disposizione per ogni esigenza.

[Articolo letto 2616 volte]
[Commenti (3): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Levanzo, l'isola dei gabbiani
 

 

Anche quassu', sono in un'altra dimensione. Non c'e' il mare cosi' bello, ma ci sono kilometri di nuvole che si spingono basse e lontane, e rumori ovattati. Adesso solo quello delle mie dita sulla tastiera, e fuori i ragazzini che giocano a tennis.
A proposito, oggi ho tirato i primi tiri a tennis della mia vita. Una schiappa, ma è stato divertente.

Daniela

14/07/2008 22:13:59


Bisogna goderseli questi posti speciali. Prima o poi affitteranno anche questi a qualche "privato" per renderli "belli e produttivi" come la costa smeralda

fara

13/07/2008 18:00:35


Levanzo è veramente un'isola splendida. Non ci vado da più di 20 anni: il tuo articolo e la bellissima foto gallery mi hanno fatto venire il desiderio di ritornarci.

Marcello

13/07/2008 17:20:29


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Levanzo, l'isola dei gabbiani
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


20 febbraio 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License