CATEGORIA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA
 

segnala pagina  stampa pagina   

27 settembre 2008

Storia semiseria e disordinata della canzone italiana - 29 - Sigle celebri:”Stasera mi butto”

di Dario Cordovana



Dopo il Festival si attendeva il responso delle vendite, che furono eccellenti. Come era già successo l’anno prima, più che la canzone vincente che si dovette accontentare di un misero decimo posto, le vendite premiarono quelli che diventarono dei classici della canzone italiana: “Cuore matto” (la più venduta di quel Festival in assoluto), “Proposta”, “L’immensità” (nelle due versioni di Don Backy e Johnny Dorelli), “Quando dico che ti amo”, “Io, tu e le rose”,  “Pietre”, “Bisogna saper perdere” e, naturalmente “Ciao amore, ciao”.

Bisogna ricordare che in quegli anni ancora dominati dai 45 giri una manifestazione come Sanremo aveva un’enorme risonanza e le canzoni che provenivano dal Festival monopolizzavano le classifiche di vendita per mesi. Difficile riuscire ad infiltrarsi nelle maglie di quello che era un vero e proprio assedio alla “Hit Parade”, che tra l’altro proprio in quel periodo cominciava ad essere trasmessa settimanalmente dalla radio, presentata dalla leggendaria voce di Lelio Luttazzi. Ci riuscivano i grossi nomi come Morandi (che infatti malgrado tutto riuscì a piazzare “Un mondo d’amore”) o gente che per sfondare acchiappava al volo l’occasione data dallo spettacolo del sabato sera di turno. Ancora meglio poi se di quello spettacolo la canzone in questione ne era la sigla iniziale o finale.

Già, perché in quel periodo esistevano ancora le sigle, mentre oggi un programma inizia con la voce del conduttore (o della conduttrice) che urla diverse volte “Buona sera! Buona sera! Buona sera! …e benvenuti a…(segue titolo del programma). La sigla finale invece non esiste proprio, spesso il programma viene sfumato mentre ancora il conduttore (o la conduttrice) urla per dar spazio alla pubblicità. Allora era invece importantissimo accaparrarsi la sigla di un programma perché se si sapeva sfruttare l’occasione c’era da diventare popolarissimi da un giorno all’altro.

Questo è quello che accadde in quella primavera del 1967 a Rocky Roberts al quale venne affidata la sigla iniziale dello spettacolo del sabato sera intitolato senza molta fantasia “Sabato sera” e del quale Mina era la conduttrice (sua era anche la sigla finale, la deliziosa “Conversazione”). In regime di monopolio Rai, con soli due canali a disposizione, un programma come “Sabato sera” era visto da qualche decina di milioni di persone, e furono proprio loro a decretare il successo di “Stasera mi butto” di Rocky Roberts (accompagnato dal suo gruppo The Airedales, del quale faceva parte – come bassista – Wess Johnson, sì proprio lui, la prima metà del duo Wesseddorighezzi). Autore di entrambe le sigle (diversissime tra loro) era (con testo di Antonio Amurri) il maestro Bruno Canfora, che nel caso della sigla iniziale dimostrava di aver ottimamente recepito il verbo rhythm’n’blues che era da poco sbarcato in Italia e si apprestava a lasciare un marchio indelebile nella canzone degli anni a venire. Roberts non era una celebrità all’estero ma era un nero doc e si adattò a quell’esempio di r’n’b all’italiana senza difficoltà. Anche la pronuncia un po’ comica (chi non si ricorda il famoso “eeee faccio di ciuccio, e faccio di ciuccio p’stari con tei”) contribuiva al successo finale. Inutilmente il buon Rocky cercherà di bissare il successo di “Stasera mi butto”, e otterrà qualche soddisfazione l’anno successivo con “Sono tremendo”, ma con il passare del tempo la sua miscela rhythm’n’blues verrà annacquata sempre più e la scelta del repertorio si farà a volte per lo meno bislacca (persino una versione di “Volare”!). E dire che il personaggio, tra l’altro ottimo atleta ed innegabilmente simpatico, bucava lo schermo come pochi.

Parlando di sigle finali in quel 1967 un altro buon successo fu “Non c’è più niente da fare” di Bobby Solo, alla quale è legata una nota di tristezza: il programma di cui era sigla finale era “Tuttototò”, una serie di brevi episodi per la televisione che rappresentano l’ultimo lavoro in assoluto del principe della risata scomparso il 15 aprile di quell’anno…

Rocky Roberts: "Stasera mi butto"


[Articolo letto 4672 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Storia semiseria e disordinata della canzone italiana - 29 - Sigle celebri:”Stasera mi butto”
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


12 dicembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License