CATEGORIA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA
 

segnala pagina  stampa pagina   

21 novembre 2008

Storia semiseria e disordinata della canzone italiana - 34 - Il Cantagiro delle polemiche

di Dario Cordovana



Dopo la vittoria di Jimmy Fontana al Disco per l’estate, e in attesa del Cantagiro, c’è da registrare la terza edizione della mostra di musica leggera di Venezia, che allora si svolgeva in luglio, mentre qualche anno dopo troverà la sua naturale collocazione nel meno affollato mese di settembre…eh, sì allora si compilava il calendario dei festival come oggi si fa con quello dei tornei di tennis, ed era difficile trovare uno spazietto libero.

La mostra di musica leggera aveva un regolamento un po’ particolare: assegnava una vela d’oro al vincitore tra i big ed una vela d’argento al vincitore tra i giovani. Ora se i giovani erano giudicati da delle giurie (come sempre), il vincitore tra i big era colui che avrebbe venduto il maggior numero di copie del suo disco nel corso dell’anno. Quindi per avere il vincitore del 1967 bisognava aspettare il ’68. Ovviamente nel 1967 si premiava il vincitore del 1966; e quell’anno la vittoria toccò a Caterina Caselli che in effetti era stata la grande rivelazione di quell’anno. Quindi vela d’oro a Caterina grazie a “Perdono” e vela d’argento a “Nel sole” di Al Bano, vera rivelazione del 1967. Vera rivelazione, ma non l’unica: nelle classifiche infatti spopola “A chi” di Fausto Leali (in assoluto uno dei dischi più venduti dell’anno), che così si consola abbondantemente dell’esclusione della sua “Senza di te” dal Disco per l’estate.

E veniamo ad una manifestazione estiva sempre molto seguita: il Cantagiro. Quell’anno gli organizzatori riescono a fare un colpaccio: tra i partecipanti del girone A c’è addirittura Adriano Celentano e, anche se il suo successo va un pochino scemando, anche Rita Pavone è della partita (no, non di pallone, è un modo di dire…). Quella del molleggiato non è una partecipazione, ma un’invasione; con lui partecipano anche il nipote Gino Santercole (alla ricerca di un successo come interprete che lo ha sempre eluso) e Milena Cantù, ex-ragazza del Clan, ex-ragazza di Celentano e attuale donna di Fausto Leali; inoltre nel girone B figura un’altra speranza del Clan, ovvero Lorenzo Pilat, in arte Pilade, che come interprete non raggiungerà mai il grande pubblico, ma come autore diventerà il più assiduo collaboratore della premiata ditta Pace-Panzeri.

Quindi prendere Celentano in un festival significava dare spazio a tanta gente sulla quale lui puntava. Niente di male in questo. Solo che Adriano, capricciosetto anzichenò arrivato a un certo punto pretende che non ci sia una classifica del girone A, richiesta accolta dagli organizzatori, quindi niente gara per i big. A questa decisione si oppongono alcuni cantanti (tra i quali Patty Pravo) che avrebbero avuto solo da guadagnare da un buon piazzamento in classifica. I coniugi Vianello (non ancora Vianella), Edoardo e consorte Wilma Goich abbandonano il Cantagiro per protesta. Dunque niente classifica finale, solo una classifica parziale che indicava Bobby Solo in testa davanti a Celentano, Wilma Goich e Rita Pavone. Solo presentava “Non c’è più niente da fare”, sigla finale della serie di telefilm “Tutto Totò”, Celentano “Tre passi avanti”, una canzone non proprio di avanguardia (“Tre passi avanti e crolla il mondo beat…”), che unita alla “Serenata” di Don Backy dell’anno prima (“Tagliatevi i capelli e da seguaci diverrete i primi voi”), faceva capire da che parte stava il Clan.

La Goich sfruttava il grande successo di “Se stasera sono qui”, mentre Rita Pavone presentava uno dei più bei pezzi della sua carriera: “Questo nostro amore” di Luis Enriquez. Nel resto del cast del girone A si facevano notare Dino con “Io mi sveglio a mezzogiorno”, Riki Maiocchi con “Prendi fra le mani la testa” di Battisti e soprattutto Patty Pravo con il suo manifesto ideologico (“Qui e là io amo la libertà/e nessuno me la toglierà mai”) che faceva della ragazza del Piper l’icona del femminismo anni sessanta…


Bobby Solo al Cantagiro del 1967 canta "Non c'è più niente da fare


[Articolo letto 2358 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Storia semiseria e disordinata della canzone italiana - 34 - Il Cantagiro delle polemiche
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


23 agosto 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License