CATEGORIA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA
 

segnala pagina  stampa pagina   

28 novembre 2017

Canzonissima al pomeriggio (puntata n. 138)

di Dario Cordovana



E’ un momento di crisi per le gare canore: il boom degli anni sessanta è ormai alle spalle e il 45 giri tira molto meno e lascia spazio al 33 giri, nel quale un cantante può fare “un certo tipo di discorso”. Certo anche la Rai ci mette del suo, prima negando le telecamere per le semifinali di manifestazioni molto seguite come “Sanremo” o “Un disco per l’estate”, poi trasferendo la popolarissima “Canzonissima” dal sabato sera alla domenica pomeriggio.

Un affronto non da poco vista la differente ribalta televisiva. Da subito è difficile trovare i conduttori giusti. Pippo Baudo ci mette un po’ prima di sciogliere la riserva, mentre la sua partner Mita Medici, ha in mano una grande occasione e certo non può fare tanto la difficile. Baudo si porta con sé il maestro Pippo Caruso, conterraneo e all’esordio in un programma importante. Del loro sodalizio potremmo dire con Wess e Dori Ghezzi: “E non ci lasceremo mai…”, ma quella è un’altra edizione di Canzonissima e allora lasciamo perdere.

Mita canta la sigla di testa, “Ruota libera”, scritta come al solito dagli autori del programma con la parte musicale affidata al direttore d’orchestra, cioè Caruso. Francamente si tratta di un pezzo abbastanza debole, se paragonato alle più incisive sigle degli anni precedenti, ma malgrado ciò il brano riuscirà ad entrare in classifica. Per arrivare a cantare la sigla di coda con la più interessante “Proprio così”, Mita dovrà attendere la penultima puntata, visto che fino ad allora la chiusura del programma è appannaggio delle gag di un personaggio misterioso che si limita vocalmente a proferire “Mannaggia” su una musichetta condotta dal sintetizzatore e “made in Pippo Caruso”. Il personaggio non è altri che Lando Buzzanca e malgrado nel filmato non si mostri il suo volto, il mistero viene svelato quasi subito. Mita Medici ne approfitterà per lanciare l’ennesimo nuovo ballo di “Canzonissima”, lo “Scappa scappa”, con molta minor fortuna rispetto ai predecessori “Tuca tuca” e “Mani mani”.

Gli ospiti del programma sono anch’essi da domenica pomeriggio: dai Sordi, De Sica (Vittorio), Gassman (Vittorio), Vitti, Loren, ecc. si è passati a Umberto Orsini, i fratelli Aldo e Carlo Giuffrè, Isabella Biagini, Giusi Raspani Dandolo, Ave Ninchi. Con tutto il rispetto, la differenza si nota e anche quando arriveranno un po’ di grossi calibri (Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, Aldo Fabrizi, Walter Chiari), il clima sarà molto informale, da serata con gli amici.

Il regolamento prevede delle novità: intanto la fine dell’ostracismo verso complessi e coppie, probabilmente dovuto al fatto che molti cantanti famosi, scoraggiati dal declassamento del programma, si sono tenuti alla larga dal cast. Niente Ranieri, Morandi, Di Bari, Caselli, Vanoni, Zanicchi, Fratello, Modugno, Endrigo, Dorelli, Milva per dire dei primi che vengono in mente. Anche Rita Pavone rinuncia all’ultimo momento. Al loro posto trovano spazio cantanti che da tempo erano ai margini della scena (Jimmy Fontana, Carmen Villani, Romina Power) oltre a gruppi di consolidata popolarità (i Camaleonti, i Ricchi e Poveri, i Dik Dik, l’Equipe 84, i Nuovi Angeli e gli emergenti Alunni Del Sole), più il duo dei Vianella che in singolo erano assenti dalla Canzonissima del 1970 (Wilma Goich) o addirittura da quella del 1968 (Edoardo Vianello). Una delle presenze più singolari è quella di Dori Ghezzi, che da più di un anno fa coppia fissa con Wess e che invece torna all’antico presentandosi da sola.

Un’altra novità è rappresentata dal Briscolone, una dotazione di 70.000 voti che ogni cantante può spendersi nel corso della manifestazione. Apparentemente sembra un modo per rendere più incerta la prima fase, con i cantanti meno noti che se lo giocano subito e quelli più noti che se lo risparmiano, ma a lungo andare sembra invece un escamotage per permettere ai pochi big in gara di assicurarsi la finale con pochi problemi. Per il resto, solite giurie in sala (divise in settori che votano per sorteggio un solo cantante, ognuno dei giurati ha un voto da uno a tre, poi una votazione “nominale” in cui ogni giurato sceglie un cantante e permette al prescelto di ottenere con quel voto l’equivalente di duemila cartoline. In questa ultima votazione è possibile anche astenersi, cosa che fanno, in genere, giovani, dall’aspetto alternativo e sostanzialmente annoiato) e cartoline voto del pubblico a casa che possono ribaltare i risultati provvisori.

Malgrado lo spostamento alla domenica pomeriggio, e il ridimensionamento generale del programma, le aspettative di una trasmissione così prestigiosa continueranno ad essere alte e “Canzonissima ‘73” verrà fin dalla prima puntata bersagliata dalle critiche. In particolare lo sarà una trovata in cui Mita Medici, per “richiamare all’ordine” un Pippo Baudo troppo intento a intervistare l’ospite Umberto Orsini, utilizzerà una campanella per tornare alla gara. Una cosa che non verrà più riproposta … 

[Articolo letto 119 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Canzonissima al pomeriggio (puntata n. 138)
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


16 dicembre 2017




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License