CATEGORIA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA
 

segnala pagina  stampa pagina   

14 agosto 2023

LE PRIME DUE PUNTATE DI CANZONISSIMA 1974 (puntata n. 159)

di Dario Cordovana


Alla prima puntata è subito gran battaglia: se l’anno precedente, almeno tra i big, passavano il primo turno cinque cantanti su sette a puntata, più un ulteriore ripescato, qui ne passano solo tre su cinque e c’è aria di vittime illustri.
Apre la prima puntata Romina Power che ripresenta “Con un paio di blue-jeans”, che aveva sfiorato la finale nella precedente edizione. Il secondo cantante è il veterano Mino Reitano, che non rischia con la canzone di Sanremo, “Innamorati”, introdotta da un sapiente organo insinuante. Reitano cede poi il microfono ai Camaleonti, che si sono quest’anno tenuti alla larga dai concorsi canori. Il loro brano, “Il campo delle fragole”, è stato un buon successo estivo, ma va testato alla prova della gara. Dopo i primi tre cantanti, spazio alla musica folk, con due esponenti del sud, Fausto Cigliano (negli anni sessanta volto piuttosto noto al pubblico televisivo e interprete originario a Sanremo della notissima “E se domani”) e Otello Profazio. Accompagnato dall’abituale compagno di merende chitarristiche Mario Gangi, Cigliano esegue “Lo Guarracino” con passo svelto e grande destrezza tecnica e vince di poco, grazie alle cartoline, lo scontro con Profazio e la sua “Tarantella cantata”, altrettanto coinvolgente.
Tornando alla musica leggera, duro si presenta il compito di Franco Simone che porta una sua canzone, “Fiume grande”, un miscuglio di ritmi diversi che diventa valzer nel ritornello. Conclude Gilda Giuliani, ancora molto apprezzata con “Si ricomincia”, brano che dà il titolo al suo ultimo album. Alla fine della puntata festeggiano Reitano, i Camaleonti e la stessa Gilda Giuliani, ma quello che emerge è un drastico calo del numero di cartoline rispetto al numero già basso dell’anno precedente.
La seconda puntata viene inaugurata da Gino Paoli con la lunga e triste “Il manichino”. Paoli probabilmente se ne frega clamorosamente della gara, sa già che non passerà il primo turno e prende l’occasione per fare ascoltare un suo pezzo non propriamente facile. Da segnalare anche la presenza del duo Gloria e Denise Calore, non propriamente delle veterane, vincitrici della Gondola d’argento a Venezia con “Il carro e gli zingari”, ma sicuramente non pronte per questo tipo di competizione per la quale bisogna avere un repertorio un po’ più ampio del loro. Difficoltà degli organizzatori a completare il cast dei cantanti? La canzone non è male, con quell’alternarsi delle due voci, ma ciò non basta a dare speranze al duo in funzione cartoline. Se poi anche le giurie in sala le piazzano al penultimo posto… anche perché a seguire ci sono i Nomadi. La “Tutto a posto” del “Disco per l’estate” è sempre un gran bel sentire e risulterà il brano più votato dalle giurie in sala di tutto il primo turno.
Eccoci al girone folk. Della siciliana Rosa Balistreri non si può dire che bene, ma obiettivamente, quante speranze ha la sua “Mi votu e mi rivotu” di passare il turno? Le canzoni tradizionali siciliane note nel resto dell’Italia sono giusto un paio (“Ciuri ciuri” e “Vitti ‘na crozza”), e sono state già presentate in qualche edizione precedente con risultati poco felici. Inoltre il suo avversario è Lando Fiorini, che l’anno precedente era in gara con i cantanti di musica leggera, con buon successo. Se Rosa canta in siciliano, la capiscono in Sicilia sì e no, se Lando Fiorini intona “Er barcarolo va controcoreeeentee”, lo capiscono in tutta Italia, perché la Rai ha sede a Roma e il dialetto più popolare in Italia è quello. Fiorini strapazza Rosa e supera il turno permettendosi pure di prendere il massimo punteggio dalle giurie in sala.
Paola Musiani ci riprova con un tango, il classico “Tango della gelosia”, ma l’arrangiamento non ha nulla a che fare con quello che la canzone dovrebbe promettere, avvicinandosi piuttosto a uno slow rock. Anche la Musiani ci mette del suo, fornendo un’interpretazione non proprio indimenticabile.
Chiude la puntata il grande favorito, Massimo Ranieri che canta “Immagina”, un brano che gli permette di vincere la puntata senza sforzi. Al secondo posto si classificano i Nomadi e al terzo Gino Paoli la spunta per soli mille voti su Paola Musiani, mentre le gemelle Gloria e Denise Calore ci salutano per sempre. Nel senso che di loro non sentiremo più parlare…

[Articolo letto 301 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

LE PRIME DUE PUNTATE DI CANZONISSIMA 1974 (puntata n. 159)
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

CINEMA

SPORT

TELEVISIONE

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

COMMENTI



















 


25 giugno 2024




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License