CATEGORIA ARTE
 

segnala pagina  stampa pagina   

9 ottobre 2007

Pagine d'arte - Goffredo Zoppelli e la pittura secentesca

di Claudio



Si è aperta da pochi giorni alla galleria “Lo scorfanello” la mostra antologica dedicata al noto pittore secentesco Goffredo Zoppelli. Sono tre le opere esposte, due delle quali di incerta attribuzione.
La prima tela, nota come “La lavandaia” ci mostra forse una giovane donna intenta a lavare i panni presso un gorgogliante ruscello.
Ma l’immagine è molto confusa. Taluni critici ritengono infatti che non si tratti di un ruscello, ma di un polveroso sentiero, e che la giovane donna sia in realtà un bambino che gioca con le biglie. E’ un’opera giovanile dello Zoppelli. Il tratto é ancora incerto, improbabili sono gli accostamenti di colore.
La seconda tela, una crosta grande due metri per due, raffigura un furgoncino del latte durante il suo giro mattutino. Taluni dubbi sull’autenticità dell’opera derivano dall’abitudine secentesca di non distribuire il latte con i furgoncini.
L’ultima tela, un ritratto d’ignoto, risale forse al periodo della maturità. Ma a quell’epoca la vista dello Zoppelli si era notevolmente affievolita.
Così non c’é una sola parte del ritratto che sia al posto giusto. Il naso è tutto a destra, le orecchie sono fortemente asimmetriche, la bocca è sotto il mento, gli occhi sono sulle guance. Il dipinto precorre dunque, involontariamente, il periodo cubista di Picasso.
La mostra raccoglie anche alcuni schizzi e disegni dello Zoppelli, tra i quali segnaliamo l’interessante ritratto della zia Pina, recentemente attribuito all’autore, dopo che per molti anni era stato scambiato per una nota della spesa.
Nel visitare la mostra si può assistere anche ad un breve documentario che riassume la vita del pittore. Il filmato della durata di sei secondi sintetizza i principali avvenimenti della vita dello Zoppelli, invero assai poco interessanti.
Si tratta dunque di una interessantissima esposizione, che ci fornisce un originale punto di vista attraverso il quale guardare all’evoluzione figurativa della cultura pittorica occidentale.

[Articolo letto 4734 volte]
[Commenti (3): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Pagine d'arte - Goffredo Zoppelli e la pittura secentesca
 

 

Attila!!Portalu a mare a to figghiu!!Sienti a mia.

Donciccio

17/10/2007 19:09:12


Ma perchè l'Autore ritiene che lo Zoppelli abbia solo casualmente anticipato Picasso? Non può essere stato il buon Goffredo l'ideatore del cubismo? Io inviterei qualche storico dell'arte a visitare il sito.
Piuttosto invito Claudio ad organizzare una tavola rotonda e una cena (a casa sua) ) (ognuno porta qualcosa) (io porto i piatti di plastica) ove poter confrontarci sul Macchia e sullo Zoppelli e possibilmente trovare un percorso comune su questi due grandi artisti. Lo invito anche a scrivere due righe sui trecento anni di storia dallo Zoppelli al Macchia, passando per la zia Pina chiaramente!

mingo

13/10/2007 09:36:44


Desidererei conoscere l'ubicazione della galleria e sapere fino a quando si protrarrà la mostra. Vorrei portarci mio figlio: sarebbe un peccato fargli perdere questo inebriante appuntamento con la storia dell'arte!

Attila

11/10/2007 20:21:56


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Pagine d'arte - Goffredo Zoppelli e la pittura secentesca
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


22 agosto 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License