CATEGORIA CINEMA
 

segnala pagina  stampa pagina   

6 ottobre 2008

Arriva il super eroe “cattivo” e super umano. Ovvero vola al cinema anche tu (più veloce della luce)

di Davide



L’inizio della nuova stagione cinematografica ha visto primeggiare ai botteghini (ma anche con buoni risultati presso la critica) due films che hanno come protagonisti due super eroi “cattivi”. Oddio, non proprio cattivissimi, ma pieni di difetti , certamente poco corretti politicamente e che spiccano, anche se in maniera differente, per il loro lato oscuro.

Il primo, in piena estate, è il Batman de “Il cavaliere oscuro” di Christopher Nolan. Questi, regista poco allineato e commerciale, autore di films disturbanti come Memento, sua opera seconda, e del più holliwoodiano Insomnia con uno stralunato Al Pacino, si era già cimentato con la figura del super eroe in Batman Begins.

Qui riprende la visione legata alla nuova tendenza dei comics americani dei supereroi, sia di quelli della DC (Batman, Superman..) che di quelli della Marvel (Uomo Ragno, Fantastici 4, etc..) che, passata la guerra fredda e caduto il muro di Berlino, hanno abbandonato tematiche legate al dualismo buoni – cattivi o alla presenza di nemici immanenti, per puntare l’interesse verso la personalità del super eroe o, meglio, le personalità, il suo essere prima di tutto uomo (o donna). Forse qualcosa del genere si era già vista, seppur in maniera più sempliciotta, nelle storie originali dello sfigato uomo ragno, sempre preso da problemi economici e la complicata gestione dei rapporti con la zia anziana e vedova e con il bisbetico capo ufficio. Non a caso proprio lo Spiderman di Raimi ha inaugurato il nuovo trend cinematografico, seguito a ruota proprio del Batman di Nolan. La versione precedente di Tim Burton infatti aveva aperto la strada a forme espressive legate al cinema – fumetto più originali e dark, ma in questo caso il mondo che circondava le gesta dell’eroe erano il pretesto per manifestare lo stile grottesco e barocco e l’humor del regista tra i più originali della cinematografia contemporanea (Beetlejuice per su tutti). Da lì infatti alla trasposizione del linguaggio dei comics moderni al cinema il passo è stato breve, quasi fisiologico.

E il caposcuola delle cosidette graphic novels statunitensi è proprio il Frank Miller della saga di Dark Knight (titolo originale del film di Nolan) il cui primo volume, appunto Dark Knight Returns del 1986, è a tutt’oggi considerato uno dei maggiori capolavori del fumetto moderno. Le sue storie ed il suo stile grafico hanno ispirato e sono a tutt’oggi presenti in molti dei maggiori disegnatori e fumettisti d’oltreoceano, da Alan Moore a David Mc Keane, sempre cimentatisi con il personaggio di Batman. La sua serie più famosa, Sin City è già divenuto un film di culto, con un seguito in lavorazione, così come la sua fatica più recente, 300.

Attraverso le sue storie è arrivato sulle pellicole anche il suo personalissimo linguaggio fatto di un black and white  molto suggestivo ed evocativo di atmosfere gotiche, con cui disegna personaggi dalla figura distorta parte di un mondo che manifesta nella sua esteriorità la propria brutalità e quindi bruttezza.

Il Batman di Nolan, che invece presenta un impianto di immagini tradizionale esaltato dalla scura fotografia che riproduce una città dominata dal buio e da inquietanti ombre, è certamente figlio dei fumetti di Miller per quanto riguarda la storia, le atmosfere, la cupa violenza che serpeggia per tutto il film. Qui Batman è un eroe che è costretto a piegarsi alla logica della violenza e, alla fine, dell’illegalità, passando sopra ai diritti e ai buoni valori. Joker, un Hearth Ledger nella sua ultima apparizione dalla grande credibilità e forza espressiva, lo addita quale mostro in un mondo di mostri, il più diverso nella sua singolare diversità, violento a difesa della non violenza. E Batman alla fine accetta il suo destino, abbraccia amaramente il suo ruolo, salvando la figura del procuratore distrettuale, eroe positivo, buono senza macchia e senza paura, del cavaliere luminoso che squarcia le tenebre della società violenta e criminale, sostituendosi a lui nelle malefatte, attribuendosele, relegandosi a braccio nascosto della legge, all’essere, appunto, il cavaliere oscuro.

L’altro film, di uscita nelle sale più recente e, in verità, da porre su un piano di qualità cinematografica certamente diverso, è Hancock, storia di un supereroe burbero, asociale ed alcolizzato, ma soprattutto totalmente inadeguato al suo ruolo, il cui intervento per risolvere un problema ne determina altri dieci, insomma una presenza imbarazzante per l’intera città che paga pesantemente, anche in termini economici, ogni suo pasticcio. Arresta dei malviventi ma ne inforca l’auto sul pennone di un grattacielo, salva una balena piaggiata lanciandola in mare aperto ma centra in pieno una barca a vela, vola rapidissimo ma ad ogni atterraggio distrugge il manto stradale. Hancock, il supereroe, nero di carattere ma anche di pelle, è interpretato da Will Smith, il re Mida dei botteghini, credibile nei panni del rapper, del Man in Black, come dell’allucinato sopravvissuto di I am a Legend, così come in parti meno “leggere”, dall’Alì di Michael Mann al più datato Sei gradi di separazione. Il film vive soprattutto della sua presenza, affiancato da una ottima Charlize Theron, ormai consolidata nell’olimpo delle star holliwoodiane.

Durante il suo svolgimento la storia poi diviene qualcos’altro, si passa dalla commedia, alla pura fantascienza drammatico – sentimentale con lieto fine che accontenta tutti, bambini compresi. Insomma un film per famiglie, con buone scene d’azione, il cui assunto di partenza, appunto avere come protagonista un super eroe moderno integrato, seppur in maniera traumatica, con la realtà che lo circonda, rende credibile anche il susseguirsi di improvvisi colpi di scena compresa la rivelazione delle sue origini, in cui ha un ruolo fondamentale la Theron, e del suo tallone di Achille, una kriptonite a matrice sentimentale che vincola il suo triste destino amoroso.

Dopo il terzo Spiderman di Raimi, che sperimenta per la prima volta il suo lato oscuro, dopo il succitato Batman, cavaliere nero e solitario, ed Hancock, supereroe, dalla spiccata miseria umana, che rutta e beve come una spugna, il destino dei super eroi al cinema è ormai segnato. Il vero super potere di questi eroi sarà d’ora in poi proprio il loro essere super umani, fortemente coinvolti emotivamente nella loro particolare contraddittoria condizione, alle prese con i problemi di tutti. Inconsapevolmente forse ciascuno di noi è un po’ super eroe, alle prese con i mostri cattivi della vita quotidiana,  lavoro, traffico, bollette da pagare, riunioni condominiali, spesa da fare, figli da accompagnare a scuola ed in palestra, da aiutare per i compiti e da curare da raffreddori ed influenze, e soprattutto il tempo, quelle 24 misere ore dove far entrare tutto ciò, compreso magari un po’ di riposo. Sarebbe meglio fare come Hancock, abbandonare giacche e tailleur, e cucirsi una tenuta da super eroe, un qualcosa di riconoscibile, che ricordi e ci ricordi chi siamo e certifichi la nostra condizione. Perché, diciamolo senza alcuna retorica, affrontare gli impegni di ogni giorno lottando contro il traffico, la mancanza di posteggi, di servizi pubblici adeguati, di una minima educazione stradale e relazionale, l’assenza dei più elementari diritti, l’aria irrespirabile e la maleducazione imperante di una città come Palermo, restando vivi alla fine della giornata, tra reflussi gastrici e contrazioni muscolari da stress, è davvero da super eroi!!!!

Ecco il vero Eroe contemporaneo



[Articolo letto 2752 volte]
[Commenti (2): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Arriva il super eroe “cattivo” e super umano. Ovvero vola al cinema anche tu (più veloce della luce)
 

 

Davide ha proprio ragione: vivere a Palermo, tentando di rispettare le regole (cioè da vero fissa!) è proprio un impresa da supereroi.
Approfitto per ringraziare a nome di Caparezza. A proposito consiglio a tutti l'ascolto del suo ultimo CD "le dimensioni del mio caos" da cui è tratto il pezzo "Eroe" inserito come videocommento.

Marcello

07/10/2008 09:08:43


Grande Marcello (editor del mio pezzo), il videocommento è perfetto. Grazie, vale metà dell'articolo (e quindi quasi niente!!!)

davide

06/10/2008 15:45:47


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Arriva il super eroe “cattivo” e super umano. Ovvero vola al cinema anche tu (più veloce della luce)
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


23 gennaio 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License