CATEGORIA CINEMA
 

segnala pagina  stampa pagina   

20 novembre 2007

Ordet: il mistero di Dio visto da Dreyer

di Donciccio


 

Una sera di dieci anni fa con un mio amico decidiamo di andare a vedere un film che solo per quel giorno proiettevano al Lubitsch, cinema fuori mano, insomma runni persi i scarpi u Signuri.
E’ una occasione unica per vedere al cinema un film di Carl Theodor Dreyer: “ORDET”.
Sapevo che il regista Danese era di grande importanza. Conoscevo il più famoso “La passione di Giovanna D'Arco”, film muto del 1928 che ha fatto la storia del cinema. Avevo pure visto in cassetta “Dies irae”.
Ma di questo non sapevo nulla, e neanche mi ero preso la briga di curiosare.
Entriamo e già cominciamo ad avere qualche perplessità dettata dal fatto che gli spettatori eravamo solo noi due.
Si tarda ad iniziare. Pensiamo che magari aspettano che arrivi qualcun altro. Ma quando mai.
Comincia finalmente la proiezione. Con mia sorpresa vedo che il film è in lingua originale e con i sottotitoli in italiano. Sorpresa negativa, perchè odio guardare e leggere. Pazienza... Ormai ci siamo e andiamo avanti.
Il film dalle prime battute mi prende. Fotografia in bianco e nero stupenda e dialoghi essenziali. Ritmo lento e cadenzato, piani sequenza fissi e lente panoramiche. Un viso, l'interno di una casa ordinata e pulita, i pochi gradini di una scala.
La storia si sviluppa in una fattoria dello Jutland dove vive il vecchio Borgen con i suoi tre figli: Mikkel, sposato con Inger, in attesa del secondo figlio, Johannes, diventato pazzo a causa degli studi di teologia, e Anders, il minore, innamorato della figlia del sarto del villaggio. Sulla fattoria si abbatte la tragedia: Inger muore di parto, Johannes sparisce e il sarto nega il consenso alle nozze per divergenze religiose con Borgen.
Non vi racconto tutto perchè il finale del film è una delle più belle pagine che il cinema abbia mai scritto.
E’ un film sulla fede, sulla religione, sulla vita e sulla Parola di Cristo che viene considerata pazzia...tranne che da una bambina.
Un film mistico che mette in evidenza la grande differenza tra Fede e Religione. La prima, vero mistero che può far entrare in comunione, la seconda, causa di divisioni e diatribe che allontanano da Dio.
Dreyer ha una capacità di afferrare il mistero e l’orrore della morte che suscita una reale commozione.
E commoso sono uscito dal cinema, dopo un inizio difficile per via della lingua originale e per la lentezza che dapprima scoraggia, ma che poi capisci essere funzionale al messaggio che l’autore vuole trasmettere.
Un vero capolavoro che oggi sarebbe impensabile fare...in un’era dove si corre e non ci si ferma mai a riflettere veramente sul mistero di Dio e della vita.
Leone d’oro alla mostra di Venezia del 1955, consiglio, per i coraggiosi, di vederlo in originale con i sottotitoli. Mi capitò, qualche anno dopo, di vederlo su Raitre in Italiano e non mi fece lo stesso effetto.

[Articolo letto 2376 volte]
[Commenti (2): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Ordet: il mistero di Dio visto da Dreyer
 

 

Molto meglio "Vacanze di Natale", almeno non ti addormenti ...

Pino

21/11/2007 09:13:25


Benvenuto Donciccio! Non sapevo di questa tua passione per il cinema impegnato.
Ma una bella recensione di un film di Alvaro Vitali in questo sito nessuno la fa?!?!

Attila

20/11/2007 22:19:15


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Ordet: il mistero di Dio visto da Dreyer
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


20 novembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License