CATEGORIA MUSICA
 

segnala pagina  stampa pagina   

20 giugno 2013

Nada ai Cantieri Culturali della Zisa

di Dario Cordovana



“Questa è una festa, una bella festa” dice Nada dal palco. E’ proprio così. Palermo ospita il Gay Pride 2013 e Nada è un’ospite d’eccezione. La cantante toscana ha da tempo dato una svolta netta alla sua carriera costruendosi con pazienza un repertorio impeccabile sul genere rock alternativo. Accompagnata dai Criminal Jackets (due baldi giovani alle prese con chitarra, basso e tastiera) e un funzionale batterista, Nada ha messo in mostra una voce tutt’altro che corrosa da anni di sigari e di attività. Certo, non è mancata qualche sbavatura, ma tutto ciò non è andato a discapito dell’intensità del tutto.
Sono le 22.30 quando Nada appare introdotta da insistenti accordi dissonanti della chitarra elettrica. L’inizio è affidato ad “Asciuga le mie lacrime”, il secondo pezzo del bellissimo “Tutto l’amore che mi manca”, prodotto nel 2004 da John Parish (al suo attivo anche una collaborazione con PJ Harvey).  Dallo stesso album vengono estrapolate ottime versioni di “Chiedimi quello che vuoi”, “Senza un perché” e della title track. Un po’ più antiche sono “Gesù” e la quasi punk “Meraviglioso”, come il pezzo presentato a Sanremo nel 1998, “Guardami negli occhi”, proposto a metà serata.
Stranamente un po’ trascurato l’ultimo bell’album, “Vamp”, del quale si segnalano le conclusive “Stagioni” e “Piantagioni di ossa”, ma Nada ci assicura che già un nuovo album è in dirittura d’arrivo, e ci propone un assaggio in anteprima. La voce spesso canta passando dalle note basse e profonde a quelle alte ed aggressive, ma a volte recita sul modello Patti Smith; in un brano dedicato alla madre il tutto assume quasi il carattere di una seduta di psicoterapia.
Solo nel finale l’atmosfera si alleggerisce fino ad assumere contorni nazional-popolare con la riproposizione delle hit “Ma che freddo fa”, e “Amore disperato” (durante tutto il concerto alle spalle del gruppo immagini varie, tra cui le partecipazioni di Nada ai Festival di Sanremo tra il 1969 e il 1972), prima del brano finale, “Luna in piena”, presentato a Sanremo nel 2007 grazie alle insistenze di Pippo Baudo. C’è ancora tempo per un paio di bis che ritornano allo stile iniziale di rock alternativo. “Combinazioni” chiude definitivamente il concerto, ma non la serata, essendo previsti altri due gruppi dopo di lei (ed era già mezzanotte!).
L’Inghilterra ha PJ Harvey, l’Islanda Bjork, l’America Patti Smith, noi abbiamo Nada  (a quando un incontro tra queste ultime due artiste che hanno così tanto in comune?) e ce la teniamo stretta!

LUNA IN PIENA
NADA


[Articolo letto 2100 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Nada ai Cantieri Culturali della Zisa
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


12 novembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License