CATEGORIA MUSICA
 

segnala pagina  stampa pagina   

2 maggio 2016

Gli Half a Comet all’Ateneo Musicale di Palermo: un’altra bella serata!

di Marcello Basso


A distanza di un anno, sabato 23 aprile, gli Half a Comet, alias Dario Cordovana e Paolo Castellana, si sono nuovamente esibiti a Palermo nell’accogliente cornice dell’Ateneo Musicale. In effetti mai sede fu più indicata per ospitare la loro performance considerato che il loro repertorio è davvero un erudito compendio di storia recente della musica (oltre che di pezzi originali di “produzione propria”).

Si spazia dai pezzi classici del repertorio folk-rock britannico, in particolare Pentangle e Richard Thompson (ex Fairport Convention), autore tanto caro a Dario, al grande Peter Gabriel (post-Genesis) di “Come talk to me”, ai REM della bellissima “The one I love”.

Tutti brani elaborati e resi assolutamente personali dalla sapienza musicale di Dario e Paolo, attraverso una rilettura mai banale e artisticamente ricercata.

Sempre ricco, come l’anno scorso, il repertorio dedicato alla musica italiana d’autore: Paolo Conte (“Come mi vuoi”), Ivano Fossati (“I treni a vapore”) e Lucio Battisti (“L’aquila”, perla rara e poco conosciuta della grande eredità del cantautore di Poggio Bustone).

La serata è scivolata via piacevolmente alla presenza di un pubblico forse meno numeroso rispetto all’anno scorso, ma comunque attento e assolutamente gratificato dalla “lezione” musicale del duo “enno/palermitano” (si dirà così … ?) al punto da chiedere ai nostri beniamini ben due bis che Dario e Paolo hanno dedicato ai Radiohead (uno dei loro gruppi preferiti) con la sempre coinvolgente “Creep” e la non meno bella “There there”.

Un doveroso cenno va fatto anche al repertorio cantautorale di Paolo Castellana la cui sensibilità poetica e musicale non finisce di sorprenderci: quest’anno ci ha particolarmente colpito la bellissima e struggente “Il mio sogno finito”, brano dedicato alla triste ed emblematica vicenda della piccola profuga perita nel mezzo del mediterraneo perché delle bestie senza scrupoli (gli scafisti) l’hanno privata della “zavorra” indispensabile alla sua sopravvivenza (l’insulina ...).

Va ricordato infine il breve ma godibile antipasto che ha preceduto la serata degli Half a Comet, l’inedito duo (almeno per me) formato da Dario Cordovana (sempre lui …) e Massimo Intorre, alias “Sin Towers” che ci hanno deliziato con un bellissimo e ricercato repertorio acustico (prevalentemente voce e chitarra): con brani del grande e sfortunato Jim Croce (“Photographs and memories”)  e dei sempre verdi Simon e Garfunkel.

Rimaniamo in attesa della prossima esibizione degli Half a Comet,(magari anche prima di un anno …) e auguriamo a Dario e Paolo i migliori successi: se lo meritano!!


Di seguito diamo l’elenco completo dei brani eseguiti:


Sin Towers (Massimo Intorre e Dario Cordovana).

1) Kathy's Song (Simon and Garfunkel 2) Photographs and Memories (Jim Croce) 3) April Come She Will (Simon and Garfunkel) 4) I'm Easy (Keith Carradine) 5) The 59th Street Bridge Song (Feelin' Groovy) (Simon and Garfunkel).


Half a Comet (Paolo Castellana e Dario Cordovana):

1) Come Talk To me (Peter Gabriel) 2) Altri mondi (Castellana) 3) The One I Love (R.E.M.) 4) I treni a vapore (Fiorella Mannoia o Ivano Fossati) 5) Oh My Love (John Lennon) 6) Scivolando verso casa mia (Castellana) 7) Burns Supper (Richard Thompson 8) Society (Eddie Vedder) 9) Lean (The National). Secondo tempo: 10) L'aquila (Lucio Battisti), 11) Nude (Radiohead), 12) Don't Let It Bring You Down (Neil Young) 13)Verso la mia parte oscura (Castellana) 14) Come mi vuoi (Paolo Conte) 15) Decades (Joy Division) 16) Simple Man (Graham Nash), 17) I Loved A Lass (The Pentangle) 18) Listening Wind (Talking Heads) 19) Il mio sogno finito (Castellana) 20) She Broke You So Softly (Mojave 3) 21) Hurt (Nine Inch Nails o Johnny Cash) 22) Canzone della sera (Castellana) 23) Creep (Radiohead), 24) There There (Radiohead).

[Articolo letto 920 volte]
[Commenti (4): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Gli Half a Comet all’Ateneo Musicale di Palermo: un’altra bella serata!
 

 

Caro Paolo, come ho avuto modo di dire in separata sede a Dario i complimenti sono assolutamente sinceri e soprattutto meritati. Dal vostro affiatamento sul palco non sembra proprio che siate (fisicamente) così distanti!

Marcello

09/05/2016 11:01:17


Leggere il tuo articolo, caro Marcello, mi ha emozionato, mi ha fatto felice. E' più difficile, anzi è molto difficile provare con Dario ora che siamo lontani, ma ci siamo riusciti suonando insieme 3 o 4 volte e anche a distanza tra una prova e l'altra, proponendo anche alcuni brani nuovi o nuovi arrangiamenti. Questa cosa è fantastica. Grazie Marcello.

paolo castellana

08/05/2016 23:37:18


Che dire? Grazie di cuore per il sostegno. Malgrado la distanza fisica tra me e Paolo che viviamo in due città diverse, faremo di tutto per accontentarvi.

Dario C.

07/05/2016 10:48:49


Io c'ero e ho pure ripreso Creep. Che dire, sono veramente bravi e coinvolgenti, non é giusto vederli solo una volta l'anno, si può fare di più. Intenso anche il repertorio di Paolo cantautore che anche stavolta é riuscito a emozionarmi.

Delia

02/05/2016 19:01:32


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Gli Half a Comet all’Ateneo Musicale di Palermo: un’altra bella serata!
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


24 maggio 2017




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License