CATEGORIA MUSICA
 

segnala pagina  stampa pagina   

14 dicembre 2007

Glenn Gould, l'ala del turbine intelligente

di Donciccio



All'età di 32 anni il pianista canadese Glenn Gould, fino ad allora brillante concertista, si ritira da ogni rappresentazione pubblica. Era il 10 aprile 1964 e fino al settembre del 1982 si dedicherà solo ad incisioni audio e, più tardi, video.
Sono passati 25 anni dalla sua scomparsa. Adesso ne avrebbe 75.
Eccentrico, egocentrico, misantropo, animale notturno, straordinario interprete Bachiano, discusso interprete Mozartiano o Beethoveniano. Un mistico della musica.
“Vederlo” suonare stupisce per la sua posizione anomala. Sedia bassa, di legno e sempre la stessa, mano sui tasti ad accarezzarli. Un movimento del corpo che accompagna le note, come se fosse in comunione totale con esse. Cantava mentre suonava, ma lui non si accorgeva di questo.
Non era come la stragrande maggioranza dei concertisti che usano la musica per "esibirsi". Lui era immerso nella musica.
L'aver abbandonato poco più che trentenne le sale da concerto gli servì da pretesto per esprimere le sue pulsioni creative in svariati altri modi: fu saggista, autore di documentari radiofonici e televisivi, di musiche per film, interprete di numerosissime incisioni - dai virginalisti inglesi alla musica contemporanea - non tante quante la CBS avrebbe desiderato.
Un grande del secolo scorso.
Nel 25° anniversario dalla morte lo ricordiamo con due video.

[Articolo letto 2086 volte]
[Commenti (8): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Glenn Gould, l'ala del turbine intelligente
 

 

Aveva in effetti un sacco di manie, oltre a quella della sedia. Indossava il cappotto anche d'estate, portava guanti doppi, sottoponeva le mani a bagni di acqua calda, suonava il pianoforte con guanti senza dita...Era poi misantropo fino ad evitare ogni contatto con gli amici e intratteneva solo rapporti telefonici per preservare il suo isolamento ("I live by long distance").
Una personalità davvero complessa e sicuramente geniale.

M. Elena

22/12/2007 22:25:12


lo sapevate che aveva una sedia tutta rotta e malconcia che portava sempre con se per le sue esibizioni?
é talmente famosa che esistono varie fotografie !

robsky

21/12/2007 21:40:51


@ Mingo
Né l'uno né l'altro...te lo dico in privato ;-P

M. Elena

16/12/2007 20:47:39


Per Mingo:sarà stato un critico musicale.

Donciccio

16/12/2007 19:44:21


Per Elena:ma quell'uno era un passante o un collega?

mingo

15/12/2007 20:02:40


Grazie,hai colmato un pozzo di ignoranza,ma ne hai aperto uno di invidia !.. Meno male che c'è
un buon udito...

enrico

15/12/2007 13:51:41


Glenn Gould è davvero un grande e come tale suscita dei veri e propri fanatismi. Una volta avevo in ufficio il cd con la sua storica prima registrazione delle "Variazioni Goldberg", quella del 1955. Passa uno, guarda la copertina del cd e dice con sufficienza "non è l'interpretazione buona". Ma si può?

M. Elena

15/12/2007 10:15:10


Hai proprio ragione: uno dei più grandi pianisti di sempre. Memorabili soprattutto le sue interpretazioni di Bach.

Marcello

14/12/2007 22:33:34


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Glenn Gould, l'ala del turbine intelligente
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


18 ottobre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License