CATEGORIA MUSICA
 

segnala pagina  stampa pagina   

25 gennaio 2008

Che bello SCALO'76!!!!!

di Davide



E’ tornata la musica in Tv con una nuova trasmissione che da quasi un mese è in onda il sabato nel primo pomeriggio su RAI 2.
Si chiama Scalo 76 ed è davvero un bel programma; infatti, pur occupandone il tradizionale spazio in palinsesto, non si tratta della solita “superclassifica” infarcita da ospiti che cantano, a volte in pleibek, la loro hit del momento circondati da giovanissimi deliranti secondo format ormai logori e rodati, addirittura acquistati dall’estero, come il predecessore “Top ov de Pops”, ma di un progetto strutturato attorno alla musica del vivo, di qualità, con ampio spazio dedicato a quella italiana, cantanti e gruppi desueti sia per la televisione che per le radio e con momenti di approfondimento e discussione mai banali “governati” dalla brava Paola Maugeri, esperta vii – gei e nostra corregionale, già protagonista tanti anni fa di esprimenti interessantissimi.
Qualche appassionato ricorderà sicuramente la Maugeri, giovanissima e con ciuffo blu, presentare “Nait – Echspress” uno dei primi programmi di musica dal vivo su Italia 1 dove si esibivano in serate tematiche artisti italiani ed internazionali; indimenticabile, per me, la performans di Geimis Teilor, non certo uno dei miei artisti preferiti, accompagnato da Elio e le storie tese in versione seria con esecuzioni veramente strepitose (qualcosa è ancora rinvenibile su Iu Tiub).
Tornando a Scalo 76, ad avvalorare quanto già detto, la scorsa settimana era possibile vedere ed ascoltare, rigorosamente dal vivo, i Marlene Kunz e Cristina Donà, vi assicuro veramente bravissima e dotata di bellissima voce, prima cantare amplagghed la sua “L’Universo” (“e tu sei ...dentro a una vertigine che danza e ci porta al di là del tempo fino a ritornare sulle labbra l'incanto è lo stesso”, poesia pura e pura musicalità) e poi esibirsi in un duetto inedito con i Marlene.
E dire che pur conoscendo “di nome” sia il gruppo che la Donà (vista in coppia con Nada a Sanremo due anni fa nella serata dei duetti) non avevo mai ascoltato la loro musica né il genere risulta tra quelli che “sento” di più, ma forse hanno ragione quelli che dicono che esiste solo la musica bella e quella brutta, e quando ascolti la prima, soprattutto se ben suonata, non puoi fare a mano che venirne rapito. E vi assicuro che poi preso dalla curiosità ho ascoltato interamente l’ultima fatica discografica della Donà “La quinta stagione” ed è davvero un bel “disco” (e che volete sono “antico”), “diverso” e godibilissimo.

Non mancano gli spazi per le altre “arti” (e mi quante virgolette!!!!); interessante e spiritoso (c’era Ivan Cattaneo), anche se forse troppo “intramuscolare” il servizio sulla mostra alla Triennale di Milano sugli anni ’70 ed i loro feticci, così come l’intervista “doppia” ai protagonisti di “Signorina Effe” in occasione della sua uscita nelle sale, attori della nuova generazione giovane (ma come al solito in Italia hanno trent’anni l’uno) Valeria Solarino e Filippo Timi eccezionale interprete teatrale, vincitore di un premio Ubu, ma tremendamente balbuziente (alla domanda di come faccia un attore a vincere il suo difetto ha argutamente risposto che soprattutto per un attore di teatro certe pause “da inceppamento” lo rendono particolare ed interessante, “Però..che pause…questo Timi..che atmosfere!!!”). La settimana prima c’era stata un’ampia discussione, condita da servizi su personaggi, luoghi e locali, sulla musica catanese degli anni ottanta - novanta, quella dei Denovo per intenderci, con la Maugeri, catanese anche lei, intervistatrice di Roy Paci, siracusano, Mario Venuti (ex Denovo) e la “cantantessa” Carmen Consoli, di Catania anche loro, con proposta finale di “cannoliata”.
Certo la pecca di questo programma è sicuramente la collocazione in palinsesto in uno dei rari momenti settimanali, con la domenica, in cui si può “schiacciare” un pisolino, oltre alla durata, forse un po’ eccessiva, ma per chi voglia sacrificare un po’ di riposo probabilmente verrà ripagato con buoni “stimoli musicali” e non, insomma un pò di sana e buona cultura pop e al limite, nei momenti meno interessanti, sonnecchiare ricordandosi che, in fondo, si è sempre di fronte al televisore, la migliore e la più efficace ninna nanna degli italiani.


CRISTINA DONA' - UNIVERSO

[Articolo letto 3832 volte]
[Commenti (3): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Che bello SCALO'76!!!!!
 

 

3 ore sono veramente troppe, a prescindere dalla qualità complessiva.

mingo

28/01/2008 16:43:29


Sono content6o che ti sia piaciuto. Non trovi anche tu, però, che tre ore siano troppe. Il rischio dei momenti di pausa è elevato a discapito della qualità complessiva (comunque alta).

davide

27/01/2008 11:53:32


L'ho visto ieri. E' veramente benfatto.

Mingo

27/01/2008 09:20:08


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Che bello SCALO'76!!!!!
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


23 gennaio 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License