CATEGORIA NOTIZIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

12 novembre 2007

Vogliamo un futuro libero

di M.Elena



Una delle cose che più ha colpito nell’immediatezza dell’arresto dei Lo Piccolo è stato il modo in cui si sono presentati. Già si vociferava della loro predilezione per il lusso e la bella vita, ma l’immagine mostrata al pubblico, griffati dalla testa ai piedi, maglie di cashmere, giubbotti di pelle, scarpe «Santoni», borse «The Bridge», è parsa come un altro schiaffo dato in faccia alle loro vittime. Cosa hanno fatto questi signori per vivere con tale agiatezza? Hanno lavorato sodo, inventato brevetti, prodotto qualcosa di cui tutti possiamo godere? Nulla di tutto ciò. Hanno solo vissuto da parassiti, estorcendo denaro altrui, grazie alla forza dell’intimidazione e delle armi.
Riflettiamo, poi, sul seguente dato. Se il pizzo rappresenta uno dei costi fissi dell’impresa, non finisce per far parte della formazione del prezzo? Non diventiamo noi tutti, concretamente, vittime dell’estorsione nel momento in cui andiamo a spendere i nostri soldi?
È per questo che bisogna seguire con grande attenzione ed aderire in massa a realtà antiracket come quella di “Libero Futuro”, nata ieri sull’onda di “Addiopizzo”( http://www.addiopizzo.org/). In effetti, il teatro Biondo, luogo dove si svolgeva la manifestazione, appariva gremito all’inverosimile, diversamente dal precedente incontro del gennaio 2005. Prendiamo nota di chi c'era e chi no, fra commercianti e politici, al fine di orientare le nostre future decisioni in tema di acquisti e di voto.
Il regista Denys Arcand, nel suo film “Il declino dell’impero americano”, fa dire a uno dei sui protagonisti: “nella Storia contano solo tre cose: in primo luogo, il numero, in secondo luogo, il numero, e per finire, il numero”. Stabiliamo, dunque, quale fronte andare ad ingrossare e abbandoniamo la plurisecolare tradizione che ci vuole popolo sottomesso e privo di iniziativa. Viviamo ormai nel XXI secolo, siamo tutti mediamente scolarizzati e informati, cerchiamo di affrancarci da atteggiamenti mentali da servi della gleba. Siamo una comunità e abbiamo bisogno di essere uniti per vigilare sulla reciproca libertà e sicurezza.




[Articolo letto 2249 volte]
[Commenti (2): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Vogliamo un futuro libero
 

 

La paura di quel teatro finalmente colmo di gente felice è che ci sembri lo striscione del traguardo, invece è solo quello della partenza.Continui il
nostro impegno massimo !!!!

LUISA

17/11/2007 17:15:35


Da quel giorno che mi capitò di leggere lo straordinario slogan "UN INTERO POPOLO CHE PAGA.....,il mio nome è uno dei primi della lista perchè è come felicemente dici :VOGLIAMO UN
FUTURO LIBERO !!!

Francesca

17/11/2007 17:03:05


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Vogliamo un futuro libero
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


30 maggio 2020




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License