CATEGORIA SPETTACOLI
 

segnala pagina  stampa pagina   

30 settembre 2010

La calunnia è un venticello

di Zorry Kid



Il barbiere di Siviglia è sicuramente l’opera più famosa di Gioacchino Rossini.
Il grande Pesarese (grande in tutti i sensi, visto che a giudicare dai ritratti pesava parecchio) la scrisse in due sole settimane nel lontano 1816: un successo eccezionale che dura ancora oggi, anche se la prima rappresentazione fu un vero fiasco (evento non raro nel mondo della musica, basti pensare, ai giorni nostri,  al Vasco Rossi di “Vita spericolata” che arrivò ultimo a Sanremo nel 1983!).
L’opera è famosa (oltre che per essere veramente spassosa - se messa in scena da un regista capace), per avere soppiantato la versione di  Paisiello, ai tempi più famosa, e soprattutto per alcune delle sue “arie” universalmente note.
Basti pensare a “Largo al factotum” (quella di “Figaro là, Figaro qua”) cantata dal protagonista, il barbiere tuttofare  Figaro, ed a “Una voce poco fa” cantata da Rosina, la protagonista femminile, promessa sposa del suo vecchio Tutore (Don Bartolo), ma innamorata del Conte d’Almaviva.
C’è però un aria, cantata da un personaggio secondario, Don Basilio, maestro di musica di Rosina, personaggio un po’ scapestrato e dai principi tutt’altro che nobili, che oltre a essere molto divertente è anche perfettamente in linea con quello che accade sotto i nostri occhi tutti i giorni (soprattutto in politica, ma non solo): “La calunnia è un venticello”.
Descrive il metodo antichissimo e tuttavia attualissimo per rovinare pubblicamente (e possibilmente eliminare fisicamente) un proprio avversario (in amore, in politica, in qualsiasi campo).
Si tratta di spargere in giro delle voci (vere o false, non importa) che infanghino il più possibile il proprio nemico.
Tipo quella che girava un po’ di tempo fa negli ambienti dello spettacolo: “... a Pippo Baudo puzzano i piedi” oppure “George Clooney è gay”. Magari non sarà vero (bisognerebbe chiedere a Elisabetta Canalis ..) ma in ogni caso getta discredito su un personaggio pubblico, mettendolo in cattiva luce.
Il testo (del librettista Cesare Sterbini) in questo senso è davvero illuminante e la musica di Rossini, coi suoi famosi “crescendo”, sottolinea benissimo il nascere e crescere degli effetti della calunnia, che prima sono paragonati ad un semplice venticello, via via, col tempo diventano un vero temporale al termine del quale il poveretto vittima della calunnia “sotto il pubblico flagello, per gran sorte va a crepar”.
L’opera di cui vi parlo è andata in scena in questi giorni (settembre 2010) al Teatro Massimo di Palermo, riscuotendo un notevole successo, merito non solo dei cantanti e dell’orchestra ma anche (e soprattutto, secondo me) della divertentissima regia di Francesco Micheli.
Vi propongo di leggere e poi ascoltare (o viceversa) proprio “La calunnia è un venticello” cantata dal bravissimo baritono palermitano Simone Alaimo.

La calunnia è un venticello


La calunnia è un venticello / un'auretta assai gentile

che insensibile sottile / leggermente dolcemente / incomincia a sussurrar.

Piano piano terra terra, / sotto voce, sibilando / va scorrendo, va ronzando;

nelle orecchie della gente / s'introduce destramente,

e le teste ed i cervelli / fa stordire e fa gonfiar.

Dalla bocca fuori uscendo / lo schiamazzo va crescendo: /

prende forza a poco a poco, / scorre già di loco in loco,

sembra il tuono, la tempesta / che nel sen della foresta,

va fischiando, brontolando, / e ti fa d'orror gelar.

Alla fin trabocca, e scoppia, / si propaga si raddoppia / e produce un'esplosione

come un colpo di cannone, / un tremuoto, un temporale,

un tumulto generale / che fa l'aria rimbombar.

E il meschino calunniato / avvilito, calpestato

sotto il pubblico flagello / per gran sorte va a crepar.



[Articolo letto 8565 volte]
[Commenti (2): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

La calunnia è un venticello
 

 

Il venticello è sempre di moda. Ne sa qualcosa la Marcegaglia.

abs

08/10/2010 10:21:31


Bentornato Zorry!

Dario C.

02/10/2010 18:37:28


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

La calunnia è un venticello
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


20 febbraio 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License