CATEGORIA STORIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

2 gennaio 2009

MERAVIGLIOSO NATALE

di Davide



Ventitre dicembre. Ore diciassette e trenta. Lungo via Sciuti, il mostro di lamiera incede lentamente al ritmo di un metro ogni due semafori verdi con misteriose accelerazioni quando invece il semaforo è rosso (boh). Il suo corpo di scaglie colorate, fumanti e nervose, sussultanti tra sterzate e frenate, musi contro musi. Si muovono da destra a sinistra ma sempre quasi orizzontalmente alla vana ricerca di varchi o di posizioni migliori che riducano la lunga agonia verso casa. Il drago di lamiere si gonfia ad ogni incrocio dove si dipartono i suoi lunghi arti in un abbraccio disperato con gli altri mostri che cingono d’assedio la città ormai stremata, in ginocchio attonita davanti a tanta potenza. Più avanti la testa del mostro Sciuti si scontra con il più possente mostro Notarbartolo. Luogo della epocale battaglia un incrocio il cui semaforo è ormai divenuto semplice segnalatore di una agognata meta. Uscire indenne dalla contesa lasciandosi alle spalle quelle luci colorate significa la salvezza, il poter pensare di arrivare a casa, riabbracciare i propri cari e, leccandosi le ferite, poter dire, c’ero anch’io.

Ecco, appunto, in mezzo a tutto ciò c’ero anch’io.

Circondato da automobili impazzite pronte a tutto per quel centimetro in più.

Urla di clacson e squilli di trombe potenti. Una cappa di fumo denso. Facce contorte dalla disperazione urlano suoni incomprensibili attraverso i vetri appannati. Mi incanto su un tipo truce accanto a me che fuma nervosamente in un SUV stracolmo di bambini con a fianco una signora con in braccio un piccolo in lacrime. In lontananza un suono di sirena. Mi scuote lo stridio potente del clacson dell’autobus bloccato sulla corsia d’emergenza ormai stabilmente occupata dalle auto.

Meno male che c’è l’autoradio. La accendo e la sparo a palla. Mi blocco su RTL e lo speaker presenta il prossimo brano, un po’ come si faceva un tempo. Sarà questa abitudine un po’ retrò che richiama la mia attenzione.

“La canzone che andiamo ad ascoltare è il singolo del nuovo lavoro dei Negramaro, il live milanese con alcuni inediti tra i quali, appunto, un omaggio al grande e indimenticabile Domenico Modugno. Meraviglioso”.

Continua dicendo che è un brano del ’68, il mio anno di nascita, proposto da Modugno per Sanremo di quell’anno, ma rifiutato perché poco adatto per il testo con riferimenti alla tragedia di Tenco dell’anno prima. Due secondi di silenzio (si fa per dire) e comincia il pezzo. Lo ricordo, però come tutti quelli che magari si canticchiano ma che non sai neanche di che parlano.


E' vero
credetemi è accaduto
di notte su di un ponte
guardando l'acqua scura
con la dannata voglia
di fare un tuffo giù

 

D’un tratto tutto attorno a me si ferma come uno sfondo fisso sfuocato su cui scorrono le immagini di un videoclip. Le facce ed i corpi dei fantasmi del Natale presente, una figura dickensiana, dolente e contemporanea. Come su una specie di “Blob”, i vecchi che frugano tra gli scarti dei mercati ortofrutticoli di Milano, i profili scuri e gli occhi liquidi e sperduti di centinaia di uomini, donne e bambini ammassati sui barconi, le centinaia di famiglie Englaro sedute di fronte ad un letto in ospedale in attesa di un giorno migliore che non arriva mai, gli occhi stanchi dell’esercito delle mascherine, fazzoletti e cappellini che vagano per le corsie e le strade degli ospedali in cerca di speranza, i ragazzi licenziati davanti al negozio Wind di via Libertà che non hanno neanche quella, i padri e le madri senza lavoro a quarant’anni, le famiglie cassaintegrate, quelli che guardano ogni giorni dentro a un pozzo nero sempre più nero, quelli che “addà passà a nuttata” e la luce dell’alba non si vede mai. Ombre cacciate, cancellate con un gesto sul telecomando non solo della TV ma anche dei pensieri, stridenti ed inopportune nella gaiezza dell’atmosfera felice e spensierata del Natale.

 

D'un tratto
qualcuno alle mie spalle
forse un angelo
vestito da passante
mi portò via dicendomi
Così

Meraviglioso
ma come non ti accorgi
di quanto il mondo sia
meraviglioso
Meraviglioso
perfino il tuo dolore
potrà  guarire poi
meraviglioso
Ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato
il mare!
Tu dici non ho niente
Ti sembra niente il sole!
La vita
l'amore
Meraviglioso
il bene di una donna
che ama solo te
meraviglioso
La luce di un mattino
l'abbraccio di un amico
il viso di un bambino
meraviglioso
meraviglioso...
ah!...

La musica risuona prima su tutte le autoradio delle macchine in fila, poi su tutta la strada.

Spengo il motore e scendo dall’auto. Pian piano anche tutti gli altri della fila fanno lo stesso, come rapiti da un bisogno impellente.

Così d’improvviso scende un silenzio irreale, solo la musica in sottofondo accompagna questa specie di danza. Sembra un film di Fellini, un sogno, appunto, meraviglioso. Si forma una lunga coda, stavolta di uomini e donne, che si districa tra le auto e si allontana da quella follia in cerca solo di un po’ di silenzio, di pace, di colori, odori, di Natale…Che bello, non sembra neanche vero…..

 

Ma guarda intorno a te
che doni ti hanno fatto
ti hanno inventato
il mare!
Tu dici non ho niente
Ti sembra niente il sole!
La vita
l'amore
meraviglioso
La notte era finita
e ti sentivo ancora
Sapore della vita
Meraviglioso……

 

POOOOOOOO!!!! POOOOOOO!!!! CORNUTAZZO TI MUOVI O NO CHE E’ VERDE! MA CHE FA DORME!!! SVEGLIAAAAAA………SMUOVITI STRONZO!!!!!!!!

 

Ma porca..ho sognato ad occhi aperti, la musica è finita e il semaforo è verde. Bisogna darsi una mossa, davanti a me ci sono due metri liberi e devo assolutamente farmi sotto se no quella faccia di culo dell’altra fila mi fotte..ma guarda quella….ma va a lavare i piatti…nooo il giallo, il giallo nooooooooooooo!!!!!!!

 

Meraviglioso…..meraviglioso Natale……..



MERAVIGLIOSO versione NEGRAMARE


[Articolo letto 2132 volte]
[Commenti (2): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

MERAVIGLIOSO NATALE
 

 

La versione fatta dai Negramaro non mi emoziona come quella originale, del grande Modugno, ma trovo questo articolo veramente ben scritto e interessante, nello stile come nei contenuti. Complimenti!

Jasper Van'T Hof

08/02/2009 05:25:10


Grazie a te, troppo buona.

davide

07/01/2009 20:57:04


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

MERAVIGLIOSO NATALE
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


13 dicembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License