CATEGORIA STORIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

15 dicembre 2009

ADDABBANNA

di Andrea Basso Sr.



Conosco un frate con il quale , tra un caffè e l’altro, parlo volentieri,  facendo, di tanto in tanto, ampi travasi di idee che, però,  a volte, sfociano  in pugilati mentali. Ma questo è il bello della diretta.    

    Che, in effetti, qualche divergenza di vedute ce l’abbiamo.

    Per dirne una, mentre lui è convinto che io sia suo zio, io, a sua insaputa, me  lo sono preso per amico.

    Direte: “ Perché? Ti serviva proprio un amico? “      Si. E vi spiego subito come sono andate le cose.

    Un giorno, guardandomi intorno,  mi sono accorto che tutti i miei amici se ne erano andati addabbanna e che quindi, poiché io mi trovavo ancora astabbanna,
era opportuno che me ne facessi un paio nuovi. Più giovani, però,  per evitare che, in futuro, si ripresentasse lo stesso problema. E il frate faceva al caso mio.

    L’altro l’ho pure trovato. E’ Enrico, ma questo non è un frate, ma, più semplicemente, una brava persona.  Per la verità lui, come amico nuovo e giovane, lascia un po’ a desiderare.  Fate conto che lo conosco da una cinquantina di anni. Però c’è il vantaggio che so di che pasta è fatto. Ed ora, le vicissitudini della vita ci hanno costretti  a riciclarci.

    Mi  si potrebbe dire .”Perché due? Uno non ti bastava, quello più giovane?”  
E no, perché ce li ho a part-time, uno per la mattina e l’altro per il pomeriggio. Che volete, non si può avere tutto nella vita e bisogna sapersi adattare.
   
    Ora il frate, il frate lo sa fare, e come.

    Studia sempre, ha sempre studiato e studierà sempre, che la testa non gli difetta, nella speranza di riuscire a capire cosa c’è addabbanna e, cosa più ardua,  di farlo capire pure a me. E questo è un mio grande handicap.
   
    Ma vi rendete conto?   

    A me, che di teologia sono fermo ai ruderi del catechismo di San Pio X,  che il mio buon  Parroco, qualche tempo fa, mi infilò a forza in testa, lui a dire si ed io a dire no, che un poco turduni già c’ero di mio, per potermi presentare decentemente  al primo incontro con l’Eucaristia.              

    E mettici pure l’elettroencefalogramma piatto, a giorni alterni, e che non riesco più a capire quali siano i giorni si e quali siano quelli no. E c’ho pure la garanzia   scaduta, che,  una cosa qualunque,  non posso nemmeno reclamare.

    Vi rendete conto?

    Però, io penso proprio che lui studi ammatula, e che non riuscirà mai a cavare il ragno dal buco.

    Detto fra noi, secondo me, addabbanna c’è di sicuro il Padre Eterno, Uno e Trino, e poi ognuno ci potrà trovare tutto quello che gli spera il cuore: uno, nessuno e centomila milioni di miliardi, come disse, pressappoco, un siculo qualche tempo fa, buonanima.                                                 

    Mi direte: “ Ma scusa, se le cose stanno veramente così,  Gesù, invece di venirsi a mettere in mezzo ai guai qui da noi, incominciando la sua vita terrena morto di freddo e finendola morto in croce , perché non se ne stava lassù, dove faceva una vita da Dio? “

         “Che se non fosse stato per la Sua Mamma, che se lo coccolava tutto,  e per  Giuseppe, lo sposo della sua Mamma, che teneva tutto sotto controllo e se la sapeva spirugghiari abbastanza bene, tra fame, carestie, pestilenze, Erode che uccideva i bambini e li gettava nei cassonetti, il viaggio in Egitto senza un soldo in tasca, e a cavallo ad un asinello, tipo turista fai da te, tanto che, per acclamazione, Giuseppe lo fecero Santo subito, Gesù non ci avrebbe certamente rimesso le penne anzitempo? Come la mettiamo? “

    Ed invece, qui ti volevo. Lui è venuto solo per amore,  per salvarci e sconfiggere la morte, perché chi crede in Lui vivrà in eterno, e, per questo, ha offerto la sua vita per noi.

    E allora, grazie a Lui, addabbanna i nostri li troveremo di sicuro, tutti schierati che ci attendono, e non come li abbiamo lasciati noi,  ma in una nuova bellezza, trasformati dalla visione di Dio.

    Certo, capiranno bene che debbono essere  loro a farsi avanti, se no,  con tutta quella ressa, va truovali!                         

[Articolo letto 3584 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

ADDABBANNA
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


19 novembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License