CATEGORIA STORIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

29 dicembre 2009

Ciccio

di Andrea Basso Sr.



Un mio amico era un tipo molto preciso. Non usciva mai di casa senza prima essersi allustratu  le scarpe per benino ed essersi accuratamente pettinato.  La barba l’aveva sempre fatta di fresco ed una particolare attenzione  la rivolgeva verso le basette, che pretendeva che fossero sempre ben allineate ed ambedue della stessa precisa lunghezza. Ne aggiustava una e poi rifilava l’altra. Ed una volta, rifila questa e rifila quest’altra, finì che uscì di casa con le basette completamente azzerate.
    La camicia l’aveva sempre ben pulita e stirata, ma qualche volta capitò che se ne mettesse una in cui il colletto ed i polsini erano di colore diverso da tutto il resto, cosa che si notava, non avendo egli avuta l’accortezza di mettersi un pullover a girocollo.
     Che in quel periodo, dato che le economie delle nostre famiglie non erano molto floride, essendo da poco usciti dalla guerra, le nostre madri avevano escogitato il sistema di allungare la vita media delle camicie, sostituendo colletto e polsini logori con altri nuovi, che venivano confezionati, per la prima volta, usando un pezzo di stoffa  ricavata accorciando posteriormente la camicia stessa, ed in seguito, invece, adoperando pezzi di altre camicie, che erano ormai irrecuperabili.
    In un taschino interno della giacca teneva sempre una carta da dieci lire, ben piegata. Era inspendibile. Quando eravamo a corto di picciuli, cioè sempre, cercavamo di convincerlo a tirarla fuori per pagarci i biglietti dell’arena, dove davano già dei bei films western o films sulle vittorie della marina americana. Ma non c’era verso di convincerlo, perché quella carta da dieci lire era una riserva che doveva servire nel caso in cui, per un malore improvviso, si sarebbe dovuto prendere una carrozza.
    Quando andavamo al Teatro Politeama, dove imperversavano le migliori compagnie del tempo, tipo Renato Rascel, Wanda Osiris, Totò, Carlo Dapporto, e cose del genere,  davanti al botteghino affollato di gente che si accalcava alla rinfusa per  fare i biglietti, dato che ancora  non si usava fare la coda, disputavamo   sulla opportunità di farci le poltrone o i posti in prima cavea. Ma i soldi non l’avevamo mai. E, nella migliore delle ipotesi, finiva che facevamo la seconda cavea, non essendoci una terza, diceva lui.
    Ai tempi in cui andavamo a scuola, in Via Pietro Novelli, ’nfacci alla Matrice, la mattina arrivavamo regolarmente con minimo dieci minuti di ritardo, trovando il portone già chiuso. Ma, forti del fatto di essere dei  veterani,  bussavamo, chiamando a voce alta: “Cocomero!!!!!!”, che così si chiamava il portiere, il quale pazientemente ci veniva ad aprire, esclamando in perfetta lingua madre: “Minchia, picciuotti, semu o suolitu? Quannu l’aviti a finiri?” Ma dopo, memore anche del fatto che ogni tanto gli offrivamo mezzo pane con panelle e rascature, di cui, da buon panormita, era molto ghiotto, taceva.
    E un bel giorno effettivamente la finimmo. E fu quando, a nostra insaputa e inspiegabilmente,  ci diedero il diploma e così ci buttarono fuori.

[Articolo letto 2172 volte]
[Commenti (1): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Ciccio
 

 

Che bello aver potuto vedere di presenza "mostri sacri" come Totò e Rascel!
Anche se forse dalla seconda cavea non si vedeva un granché ...

webmaster

30/12/2009 12:29:45


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Ciccio
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


18 agosto 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License