CATEGORIA STORIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

16 febbraio 2010

IL PIANOFORTE

di Andrea Basso Sr.



Mia madre aveva un angioletto biondo che scorrazzava per tutta la casa, portandosi sempre appresso la sua inseparabile bambolina. Ed eccelleva in  bellezza, dolcezza ed intelletto.

 

         Evidentemente, per venirsene quaggiù, aveva eluso la sorveglianza degli addetti. Infatti, quando, dopo sei anni e mezzo, il Grande Capo  lo venne a sapere, che qualche cornuto, di certo, avrà fatto la spia, non volle sentire ragioni e se la riprese prontamente.

 

         Se la rimise accanto e le disse: “Curò, senti a mia, ora tu da qui non ti muovi più, che là non è posto per te. Sono stato chiaro?” E lei, che era stata sempre obbediente, obbedì.

 

         E mia madre,  dopo, mise al mondo solo maschi. Ma non se ne dispiacque, perché lo sapeva già.

 

         Però, non aprì più il pianoforte, a cui era tanto legata. E disse che l’aveva chiuso e che la chiave non la trovava più.

 

         Poi, quando crescemmo, il pianoforte riuscimmo ad aprilo e, con la scusa  di imparare a suonarlo, praticamente lo scassammo tutto. Che un accordatore cieco, quando veniva, si metteva le mani ai capelli.

 

         E Lei ci lasciò fare, pur non essendo una debole.

 

         Certo, che volete, sempre la mamma di un angelo era.


[Articolo letto 2974 volte]
[Commenti (2): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

IL PIANOFORTE
 

 

wow, marcello, profonda, triste e piena di dolcezza questa storia.

marco

17/03/2010 23:11:54


Grazie, Andrea, per averci fatto partecipe della tua sorella in cielo. Io sono convinto che gli angeli esistono e ci aiutano: per noi protestanti non si devono pregare gli angeli, ma solo Cristo, incarnazione del Verbo, inseparabile dal Padre e dallo Spirito Santo. Ma Lutero aveva ben presente l'aiuto che gli angeli ci danno. Quando morì una sua figlioletta, di pochi anni, piangeva; qualcuno, per consolarlo, gli ricordò che sua figlia ora era un angelo in cielo, felice. Lui continuò a piangere, e rispose: sì, lo so, ma mi manca tanto. Però, quando morì, forse il pensiero di incontrarla di nuovo gli avrò reso più lieve il passaggio, l'esperienza della croce che tutti ci attende, ma che è la porta per la nostra salvezza

Sandro

17/02/2010 20:29:14


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

IL PIANOFORTE
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


13 dicembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License