CATEGORIA STORIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

17 gennaio 2008

Le Confessioni...anzi, le Riflessioni di un Italiano

di Angelo



Ah!, i classici; ricordo sui lignei banchi del liceo (quando entravo) come contavo le ore che mi separavano dalla fine delle spiegazioni della proff sul Manzoni (casto poeta che l’Italia adora ……scrivono gli “scapigliati” di lui) per giungere alla più intrigante letteratura illuministica e, finalmente, al novecento.

Qualche, diciamo qualche, anno fa mi aggiravo per i vicoli di Perugia ed in una piccola libreria aperta la notte cercai qualcosa da leggere; in qualche maniera mi attirò la veste grafica di un libricino, due volumetti, che nonostante fosse indiscutibilmente un classico, decisi di prendere; “Le Confessioni di un Italiano”, stampato in edizione economica, quelle con i caratteri piccolissimi per capirci.

Mi trovavo a Perugia per un impiego “a termine” (il lavoro precario non l’hanno inventato certo ieri), erano i giorni che cadeva il muro di Berlino ma nella stanza che avevo affittato non c’era la televisione e passavo il tempo, tra l’altro, studiando non ricordo quale materia del mio (lungo) corso di laurea e leggendo un po’ quello che mi capitava purché a buon mercato.

Tornando al libricino una sera pensavo di leggere qualche pagina (gli odiati classici di liceale memoria) dopo “cena” ed andare in qualche pub perugino a tirare l’orario di andare al lavoro; ed invece altro che promessi sposi & c.; l’attualità di questo libro la trovai (e la trovo) a tratti sconcertante e quella sera, confesso, rimasi a casa a leggere.

Molti non condivideranno le mie impressioni su un libro che da tanti punti di vista può considerarsi “vecchio” e anche bigotto ma, visti alcuni avvenimenti di questi giorni, ne “offro” qualche rigo alla nostra riflessione. Io ce lo trovo di che riflettere.

Ippolito Nievo, Le Confessioni di un Italiano, Capitolo Ottavo –nel quale si discorre delle prime rivoluzioni italiane, dei costumi della scolaresca padovana, del mio ritorno a Fratta, e della cresciuta gelosia per Giulio del Ponte. Come i morti possono consolar i vivi, ed i furbi convertire gli innocenti. Il padre Pendola affida la mia innocenza all’avvocato Ormenta di Padova. Ma non è oro tutto quello che luce.-

[…]. La patria, figliuol mio, è la religione del cittadino, le leggi sono il suo credo. Guai a chi le tocca! Convien difendere colla parola, colla penna, coll’esempio, col sangue l’inviolabilità de’ suoi decreti, retaggio sapiente di venti, di trenta generazioni! […].

Se no cadremo certamente; cadremo amici e nemici in potere di quei maligni che predicano un’insensata libertà per imporci la vera servitù; la servitù a codici immorali, temerari, tirannici! La servitù alle passioni nostre ed altrui, la servitù dell’anima a profitto di qualche maggior godimento terreno.

Tutto qui.

A presto, Angelo

[Articolo letto 1594 volte]
[Commenti (1): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Le Confessioni...anzi, le Riflessioni di un Italiano
 

 

La prosa di Nievo non mi esalta, ma chissà cosa facevo io, in quella sera in cui lo leggevi. Abitavo a Perugia.

Daniela Vaccaro

18/01/2008 20:25:35


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Le Confessioni...anzi, le Riflessioni di un Italiano
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


11 dicembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License