CATEGORIA STORIE
 

segnala pagina  stampa pagina   

24 marzo 2008

LINGUE

di Bulgakov


Se tu cammini per Palermo con l’I-POD nelle orecchie e gli occhiali da sole, di Palermo non ne hai capito niente.
Palermo va vista e sentita.
Ogni angolo di strada è un teatrino di pupi, in cui pupari e burattini si scambiano i ruoli senza capirci niente.
E’ uno spettacolo sempre aggratìs.
Le mie reebok blu questo lo sanno.
L’hanno capito così bene che quando mi sto per “perdere” qualcosa, loro si sciolgono.
Camurrìa mi devo fermare.
La Signora ha un vestito a fiori marroni, sente tra le dita la qualità di una camicia bianca appesa.
Il marito con due sacchetti bianchi in mano aspetta.
“Amico, senti, quanto costare questo?”
“Rosy non lo vedi che è cinese? Perché gli stai parlando in africano?” .
Allaccio le scarpe e vado via.
Tratto, su gentile concessione dell'Autore, dal sito http://muddiki.blogspot.com/



[Articolo letto 1974 volte]
[Commenti (1): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

LINGUE
 

 

Però ogni tanto è pure bello camminara con l'i-pod nelle orecchie e guardare senza sentire. Immaginare i suoni, le parole, e perdersi dietro il ritmo dei tuoi passi, che segue quello della musica. Poi togliersi le cuffie dalle orecchie e improvvisamente capire che di quei suoni tu fai parte, sono anche tuoi...

Daniela

24/03/2008 23:49:10


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

LINGUE
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


7 dicembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License