CATEGORIA TUTTE
 

segnala pagina  stampa pagina   

30 gennaio 2016

Eugenio Zambelli in arte Dino

di Dario Cordovana


Come molti cantanti popolari negli anni sessanta la carriera di Dino si è interrotta quando il cantante era ancora giovanissimo. Quel periodo è stato intenso e folgorante, ma con l’arrivo degli anni settanta lo scenario era mutato drasticamente: con l’arrivo dei cantautori gli interpreti come lui erano destinati a trovare sempre meno spazio. E così a meno di 25 anni Dino si trovò ad abbandonare il mondo della musica.

Eppure il cantante veronese ha tuttora una bella voce e lo ha dimostrato nel recente concerto di Palermo nell’ambito della rassegna “Tornano gli anni sessanta”. Una voce che avrebbe meritato un gruppo che la accompagnava, invece di fredde basi musicali che finivano per fare l’inevitabile effetto di un karaoke sia pure di alto livello. Unica concessione alla coreografia erano allora due giovani ragazze che per tutto il tempo dello spettacolo ballavano attorno al cantante, facendo girare la testa al pubblico presente.

Lo spettacolo ha alternato i maggiori successi di Dino con delle canzoni dello stesso periodo scelte con oculatezza dal cantante stesso. Scelte nient’affatto banali che hanno permesso di riascoltare brani belli, ma un po’ dimenticati come “Personalità” di Caterina Valente, “Come sinfonia” di Pino Donaggio, “Vivrò” di Alain Barriere, “Nata per me” di Adriano Celentano, “Ogni volta” di Paul Anka, “Lascia l’ultimo ballo per me” dei Rokes e le più ricordate “Occhi di ragazza” di Gianni Morandi e “Pugni chiusi” dei Ribelli. Fortunatamente niente “Io vagabondo” stavolta!

Ma l’apertura del concerto era tutta per i successi di Dino: “La tua immagine” (versione italiana di “The Sound of Silence” di Simon and Garfunkel), “Il sole è di tutti” (ovvero “A Place in the Sun” di Stevie Wonder che lo stesso cantante cieco lanciò in italiano), “Chi più di me” (ancora di Paul Anka e partecipante a “Scala reale” nel 1966) e, più in là verso fine concerto, “Te lo leggo negli occhi” scritta da Sergio Endrigo e “Gli occhi miei” di Mogol-Donida, con la quale Dino partecipò al suo unico Festival di Sanremo, nel 1968, con un buonissimo successo che non si esaurì in Italia: la canzone venne infatti successivamente incisa da Tom Jones che la portò in classifica con il titolo di “Help Yourself”.

Ma la parte più interessante del concerto è stata forse il medley di canzoni meno note di Dino, una specie di “only for fans”, con “Il ballo della bussola” e “Simone Simonette”, quest’ultima registrata proprio a Palermo dove Eugenio Zambelli (questo il suo nome all’anagrafe) nel 1969 asserviva agli obblighi militari presso la caserma “Scianna”.

Infine due curiosità: uno strano hully gully intitolato “Il ballo del canguro” (che, fatto per i balli di gruppo, in quel contesto faceva quasi l’effetto di una canzone dello Zecchino d’oro, e una canzone in spagnolo, “Quisiera parar el tiempo”, per altro ben accolta dal pubblico.

Dopo un’ora e mezza di concerto (e di grandi sorsate d’acqua, così frequenti da far temere che il cantante dovesse da un momento all’altro assentarsi per espletare naturali bisogni fisiologici), Dino saluta tutti sulle note di “Stay” di Maurice Williams (ma resa celebre anche da Jackson Browne) e dà l’appuntamento ad una prossima volta. In fondo, oltre a un’ora e mezza di serenità cosa chiedergli di più?

[Articolo letto 8280 volte]
[Commenti (0): scrivi - leggi]
 


 

INSERISCI COMMENTO

 

NESSUN COMMENTO E' STATO ANCORA LASCIATO...PUOI ESSERE IL PRIMO !!!
 

 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Eugenio Zambelli in arte Dino
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


22 luglio 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License