CATEGORIA TUTTE
 

segnala pagina  stampa pagina   

4 dicembre 2007

Diamo il Nobel a Benigni!

di Marcello Basso



Non so se avete visto giovedì scorso la bellissima trasmissione di Benigni in televisione dedicata al V Canto dell’Inferno.

Io, insieme a più di 10 milioni di italiani, ho sintonizzato alle 20.45 in punto il mio televisore su RAI Uno, convinto di assistere ad uno show del popolare comico toscano incentrato prevalentemente sulla sua solita (peraltro godibilissima) verve satirica, con una parentesi finale dedicata al Sommo Poeta.

In effetti la prima ora di trasmissione è stata dedicata proprio alle “classiche” considerazioni (in larga parte condivisibili) sulla “pochezza” dei nostri politici, sul partito “inventato” da Berlusconi, sulle marachelle di Mastella e compagnia bella ... (fa anche rima!), insomma il “solito” Benigni”.

La parte migliore, invece, è venuta dopo, e mi riferisco ovviamente alle quasi due ore (senza la minima pausa pubblicitaria!) dedicate a Dante e alla sua Divina Commedia.

Ho letto che qualche studioso “dantista” (credo si dica così) ha storto un po’ il naso nell’ascoltare l’appassionata, profonda, se vogliamo anche “popolare”, ma non per questo meno dotta, “spiegazione” dei versi del canto di Paolo e Francesca”: tale atteggiamento è probabilmente attribuibile ad una  buona dose di malcelata invidia per chi, con grande naturalezza e con sincera passione, è riuscito a catalizzare l’attenzione di milioni di italiani, (i più, probabilmente,  all’asciutto o quasi di Dante) su un capolavoro assoluto della letteratura d’ogni tempo.

In effetti può dare un po’ fastidio vedere ignorata (o quasi) la propria “meritoria” dotta attività di studioso della letteratura, magari racchiusa in ponderosi tomi di centinaia di pagine che in pochi hanno letto, e accorgersi che, quasi all’improvviso (in realtà sono diversi anni che Benigni vi si dedica, ma forse i nostri letterati, tranne qualche illuminata eccezione, non se n’erano accorti), un “comico qualunque” spunta sul teleschermo e blocca sulla poltrona mezza nazione, affascinando col suo profondo, appassionato, sincero amore per questa immortale opera letteraria, che a distanza di più di 700 anni, continua a sorprendere e soprattutto a commuovere.

Ma Roberto Benigni non è un “comico qualsiasi”, anzi  nella sua veste di “lettore” di Dante non è neanche “un comico”: a mio modestissimo avviso è proprio un grande letterato (oltre che un grande attore).

Lo si è accusato (i critici di cui si parlava prima) di essere solo un “divulgatore”; uno che poco o nulla aggiunge all’opera letteraria che cerca di divulgare ma, a parte il fatto che il semplice fatto di rendere accessibile “al popolo” una opera d’arte (in questo caso letteraria) non mi pare proprio una cosa di poco conto, penso, al contrario, che quello che Benigni riesce a fare utilizzando il mezzo televisivo, va ben oltre la semplice (si fa per dire) attività di divulgazione.

Il nostro toscanaccio dà un qualcosa (molto) in più: aggiunge il suo talento, la sua passione e, perché no, la sua grande conoscenza di Dante per ... non vorrei apparire blasfemo, “migliorare”, se ciò fosse possibile, la Divina Commedia.

Insomma Benigni ci mette del suo, e riesce, a mio modo di vedere, a rendere attuale, viva, bellissima questa opera d’arte immensa, che diventa ancora più immensa quando è resa comprensibile a tutti.

Per farla breve: se hanno (giustamente) dato il Nobel per la letteratura a Dario Fo per le sue opere teatrali ma, forse, soprattutto per le sue doti di attore, perché, a maggior ragione, non deve essere possibile darlo a chi, come Benigni, riesce a rendere accessibile, comprensibile, forse anche più bella, un opera letteraria? A chi insomma, in una sola parola (anzi due ...), riesce a "fare amare" ad un popolo intero la Divina Commedia ?

Si accettano critiche.

 

 

 
Roberto Benigni legge Dante

[Articolo letto 1733 volte]
[Commenti (4): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Diamo il Nobel a Benigni!
 

 

un'interpretazione davvero esemplare, che ha saputo infondere credo in ognuno che l'abbia sentita la stessa passione che ci metteva lui. E quando stava per completare la recita, penso che la sua sincera commozione sia stata quella di tutti!

toni

05/12/2007 14:32:03


Grazie Marcello,sei tutti noi!

almar

05/12/2007 10:08:07


D'accordo-Diamo il Nobel a Benigni,ma non solo per l'emozione che ci accende quando legge .o
interpreta Dante ( dov'è la cantilena che ascoltavamo a scuola?) ma anche per quella interpretazione dei tempi nostri -incompetenza,
spasmodica ricerca della famosa spinta che ci fa accedere al mitico posto fisso, ma "da dove veniamo" (piccolo paese nel mondo dotato di genio " che ci ha fatto essere primi in discipline in tutti campi,e in alcune primi aoggi,risvegliando l'orgoglio ormai quasi spento in ciascuno di noi.

margherita

05/12/2007 10:06:02


Un grande!
Emozionante!Senza capirne niente di Dante mi sono commosso.
E questo è un merito enorme.

Donciccio

05/12/2007 01:16:29


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Diamo il Nobel a Benigni!
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


21 settembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License