CATEGORIA TUTTE
 

segnala pagina  stampa pagina   

27 gennaio 2008

Giù le mani dal web

di Davide



Per lo sfiduciato governo nazionale è arrivato il momento dei bilanci. E come per tutti i bilanci si cominciano a pesare le cose fatte, quelle non fatte, quelle che si potevano fare ma anche quelle che si stavano facendo.
Per noi fruitori di internet, affascinati dalla libertà (forse a volte eccessiva o, meglio, spesso utilizzata male) del mezzo a tal punto da voler creare uno spazio nostro, ci sono state un paio di “interessanti” novità di carattere normativo, alquanto inquietanti in verità, che sono passate quasi inosservate ai più, che solo da poco hanno cominciato a circolare sui mezzi di informazione tradizionali e che costituirebbero, in assenza di precise modalità applicative e/o chiarimenti e precisazioni e lasciati alla libera interpretazione di chi le deve fare applicare, gravi danni sia a chi usufruisce del web ma anche a chi, in qualche modo e molto modestamente, lo gestisce.
Il 12 ottobre dell’anno scorso è stato approvato un disegno di legge
sulla riforma dell’editoria presentato il 3 agosto 2007 dal Governo, in piena atmosfera balneare e quindi poco attenzionata ai più.
L’a
rticolo 6 del disegno di legge prevede che deve iscriversi al ROC, in uno speciale registro custodito dall'Autorità per le Comunicazioni, chiunque faccia "attività editoriale" . Continuando si precisa quale attività editoriale l’inventare e il distribuire un "prodotto editoriale" anche senza guadagnarci. E prodotto editoriale è tutto: è l'informazione, ma è anche (articolo 2) qualcosa che "forma" o "intrattiene" il destinatario.
E non c’è distinzione tra i mezzi di diffusione di questo prodotto, web incluso così da investire l'intero pianeta internet, anche i siti più piccoli e soprattutto i blog.
Ma l'iscrizione al ROC non implica solo procedure burocratiche da seguire ma potrebbe soprattutto aumentare le responsabilità penali per chi ha un sito. Infatti se prima la vecchia legge sull’editoria, quella del 2001, prevedeva quale diffamazione semplice quella realizzata attraverso il sito questo nuovo disegno di legge, invece, la classifica quale aggravata divenendo una vera e propria diffamazione a mezzo stampa.
Rientrando internet nell’ambito delle norme penali sulla stampa ogni sito, se tenuto all'iscrizione al ROC, dovrebbe anche dotarsi di una società editrice e di un giornalista nel ruolo di direttore responsabile. Ed entrambi, editore e direttore del sito, risponderebbero del reato di omesso controllo su contenuti diffamatori (ahi capito caro webfissamaster!!!).
Panico sul web, ben rappresentato dalla reazione di Beppe Grillo che dal suo blog tuona, davanti ad un provvedimento che “limita, di fatto, l'accesso alla rete”, sostenendo che conseguenza della legge, sarebbe la chiusura del 99% dei blog e "il fortunato 1% della Rete rimasto in vita, per la legge Levi-Prodi, risponderebbe in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica galera quasi sicura".
L’altra polpetta avvelenata riguarda invece un pensiero natalizio ai più poco gradito. Infatti il 21 dicembre scorso il Senato ha approvato il disegno di legge S1861 che vieta la pubblicazione di immagini e musiche su internet se queste non sono state abbassate di risoluzione.
Nel disegno di legge, d
opo il comma 1 dell'articolo 70 della legge 22 aprile 1941, n. 633, e successive modificazioni, è inserito il seguente: 1-bis : “È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentiti il Ministro della pubblica istruzione e il Ministro dell'università e della ricerca, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti, sono definiti i limiti all'uso didattico o scientifico di cui al presente comma”.
In buona sostanza chiunque pubblichi immagini o musica a buona definizione, ben visibili o con buona qualità audio, deve pagarne i diritti d’autore. Alla resa dei conti quasi tutti i contenuti di qualità presenti sul web pubblicati su siti italiani sono assoggettabili a questo punto all’onere SIAE.
E, quindi, addio belle immagini, o foto d’accompagnamento ad articoli ed altro e addio filmati, soprattutto i trailers dei films ad alta definizione (vero Attila??).
Parallelamente qualche mente geniale presso il governo egiziano sta seriamente pensando di apporre il copyright alle piramidi cosicchè chiunque voglia utilizzarne immagini anche solamente fotografandole dovrà pagare. Addio ricerche sul web per i nostri figli, si ritornerà a ritagliare libri o a “lavorare” clandestinamente di scanner e passaggi sottobanco al mercato nero.
Comunque ancora non è detta l’ultima parola, è inutile fasciarsi la testa prima di romperla o vendere la pelle dell’orso prima di averlo catturato, forse è esagerato mettere avanti le mani per non cadere e dire gatto se non ce l’hai nel sacco, ma mentre ci mettiamo d’accordo su quale detto sia più consono alla vicenda si rischia, con questi chiari di luna, di dovere quantomeno cambiare il nome del sito ed allargare i partecipanti : non più i quattrofissa ma ifuquattrofissa ovvero cariamici”nifuttero”.

[Articolo letto 3421 volte]
[Commenti (6): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Giù le mani dal web
 

 

Fissa si,ma no scimuniti!!

Donciccio

28/01/2008 23:45:14


... belli fanghi ...

Marcello

28/01/2008 20:24:57


Mi pare di non conoscere alcun Marcello.....ah! Ora che ci penso, ricordo che alla visita militare c'era con me un tale Marcello, molto magro, capelli nerissimi.... Altri Marcello non credo proprio di conoscerne....lo giuro signor giudice!

Attila

28/01/2008 20:17:35


Male che vada nascerà la QUATTROFISSAPRODUCTION.

mingo

28/01/2008 20:12:21


Marcello chi????Non ti "caniscio"....Signor Giudice non sò chi sia, l'ho incontrato a una prima comunione e mi ha detto facciamo una foto??Che vado a pensare...ma poi le sembra che mi sarei fatto coinvolgere in una iniziativa denominata "i 4 fissa"???

davide

28/01/2008 07:28:28


uno scenario veramente inquietante: speriamo che non si avveri.
Nella peggiore delle ipotesi mi auguro che almeno mi portiate un po' di arance al Pagliarelli!!

Marcello

27/01/2008 22:08:08


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Giù le mani dal web
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


21 settembre 2019




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License