CATEGORIA TUTTE
 

segnala pagina  stampa pagina   

11 aprile 2008

Wislawa Szymborska a Palermo - dalla nostra inviata.....

di Daniela Vaccaro


Un premio Nobel a Palermo varrebbe comunque la pena andarlo ad ascoltare. È un po' come quegli eventi che si verificano una volta ogni 150 anni, il passaggio di una cometa o un'eclissi di sole. Se poi il premio Nobel in questione scrive versi come “Sono entrambi convinti/che un sentimento improvviso li unì./. È bella una tale certezza/ma l'incertezza è più bella.” oppure “Busso alla porta della pietra./ - Sono io, fammi entrare./ Dicono che in te ci sono grandi sale vuote,/mai viste, belle invano,” vale persino la pena di organizzarti per tempo, di spostare lavoro ed impegni, di far squillare il promemoria del telefonino.
Arrivo mezz'ora prima, in tempo per accorgermi che l'organizzazione dell'Università, anche in eventi come questi, è sempre la stessa. Appena prima dell'incontro con Wislawa Szymborska è in programma una conferenza sulle orazioni di Cicerone, che naturalmente sfora rispetto all'orario previsto. Invitiamo un premio Nobel e lo facciamo aspettare.
Wislawa Szymborska ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1996, eppure quando – Cicerone permettendo – comincia a parlare, si dice emozionata di parlare nell’aula magna di una università, poiché non possiede alcun titolo di studio. A volte le arrivano delle lettere indirizzate ad una tal professoressa Szymborska – dice – e lei si chiede chi sia. Nel discorso tenuto in occasione del conferimento del premio Nobel aveva detto del resto che non esistono professori di poesia, che il “titolo” di poeta si porta sempre con un certo imbarazzo.
Ascolta gli studenti che leggono le sue poesie, ne legge lei stessa qualcuna, e il miracolo della poesia sta nel suono della sua lingua incomprensibile che ti tocca il cuore. La poesia andrebbe letta sempre nella sua lingua originale, anche quando questa lingua non la si conosce. Nel suono sta l’essenza. Chissà se Teresa e Lucia – le mie due ex alunne che hanno assistito all’evento – si ricordano di quante volte ho loro ripetuto di abbandonarsi al suono. Chissà se Teresa ricorda l’esperimento fatto in classe con una poesia di Brecht, data in pasto senza il paracadute della traduzione, eppure compresa, nel suo nocciolo duro.
Della poesia della Szymborska arriva dentro la formidabile semplicità, dietro alla quale si coglie tutta la difficoltà che deve esserle costata. Per la sua poesia vale quanto lei dice della cipolla: “La cipolla è un’altra cosa. /Interiora non ne ha. /Completamente cipolla /fino alla cipollità.” E questo risultato di semplicità le riesce grazie all’ironia che le balena negli occhi, anche mentre mi sfiora la mano, con un gesto soave, prima di firmare in fondo alla mia poesia preferita, “Amore a prima vista”: “Ogni inizio infatti/è solo un seguito/e il libro degli eventi è sempre aperto a metà.”

[Articolo letto 1855 volte]
[Commenti (1): scrivi - leggi]
 


INSERISCI COMMENTO

 

Commenti lasciati per:

Wislawa Szymborska a Palermo - dalla nostra inviata.....
 

 

Complimenti per la recensione Daniela, un ottimo invito a scoprire un'autrice che non conoscevo. Peccato che non sono a Palermo in questi giorni sennò sarei venuto alla lettura.

dario

12/04/2008 19:08:25


 
 

LEGGI I COMMENTI

 

Inserisci un commento per:

Wislawa Szymborska a Palermo - dalla nostra inviata.....
 

nome

email

commento

 

antispam digitare la seguente parola

        
 
 


NOTIZIE

MUSICA

CINEMA

STORIA DELLA CANZONE ITALIANA

SPORT

ARTE

LIBRI e CULTURA

MULTIMEDIA

INTERNET

STORIE

SPETTACOLI

AMBIENTE

APPUNTAMENTI

PALERMO

VIAGGI

SONDAGGI

COMMENTI



















 


30 maggio 2020




LE ULTIME 3 FOTOGALLERY ON-LINE

[cliccare per aprire]


 

CONTATTA I...4 FISSA


nome

e-m@il

richiesta


Newsletter, scrivi la tua e-m@il
 



TUTTE LE GALLERIE FOTOGRAFICHE


 Questo sito utilizza la Creative Commons License